25.6 C
New York
domenica, Giugno 23, 2024

Buy now

Com’è nato il segnale SOS?

Il famoso segno che appare disegnato sulla sabbia nei film americani, SOS, è un segnale utilizzato nelle comunicazioni radiotelegrafiche per chi è in difficoltà e ha bisogno di soccorso. Per chi non lo sapesse, questo segno è stato adottato in un convegno nel 1908. Cosa significa l’abbreviazione delle lettere SOS e quando è stato utilizzato per la prima volta?

Nascita del segnale SOS

La radio (originariamente nota come “telegrafia via fili”) è stata sviluppata alla fine degli anni ’90 dell’Ottocento ed è stata rapidamente riconosciuta come un importante aiuto per le comunicazioni marittime. In precedenza, le navi avevano adottato una varietà di segnali di soccorso visivi e audio standardizzati, utilizzando elementi come bandiere, pistole lanciarazzi, campane e sirene da nebbia. Tuttavia, inizialmente la cooperazione nella standardizzazione dei segnali di soccorso radiofonico era limitata dalle differenze nazionali e dalle rivalità tra le compagnie radiofoniche concorrenti.

Nel 1903 un rappresentante italiano, Quintino Bonomo, alla conferenza preliminare di Berlino, sulla telegrafia senza fili discusse la necessità di procedure operative comuni, compreso il suggerimento che “le navi in ​​pericolo dovrebbero inviare il segnale SSS DDD a intervalli di diversi minuti”. All’epoca però non fu adottato alcun segnale standard, sebbene l’articolo IV del Protocollo finale della conferenza stabilisse che “le stazioni telegrafiche senza fili dovrebbero, se possibile, dare priorità alle richieste di aiuto ricevute dalle navi in ​​mare”.

Dal 1° febbraio 1904 laMarconi Company decise che avrebbe utilizzato il segnale “CQD” per segnalare che una nave era in pericolo: “la chiamata che deve essere data da navi in ​​difficoltà o che richiedono in qualsiasi modalità di supporto sarà “CQD”.

Nel 1905, il governo tedesco introdusse la sequenza Morse (· · · — — — · · ·) tre puntini/ tre linee/ tre puntini, come segnale di soccorso per quanto riguardava le trasmissioni radio.

Così, alla seconda conferenza radiotelegrafica di Berlino nel 1906, questo argomento fu nuovamente affrontato. Questa volta, i membri partecipanti hanno decisero che il nuovo segnale internazionale di soccorso sarebbe stato “SOS”, in quanto molto più facile nell’interpretazione il che lo rende inconfondibile. La legge entrò in vigore nel 1908.

Cosa significa il segnale SOS?

SOS è una sequenza distinta in Codice Morse  e non un’abbreviazione, ma nell’uso popolare è associato a frasi come “Salvateci O Soccombiamo” e “Soccorso Occorre Subito”. Inoltre, a causa del suo elevato utilizzo in situazioni di emergenza, la frase “SOS” è diventata di uso generale per indicare una crisi o la necessità di agire.

SOS è l’unico segnale composto da 9 elementi (· · · — — — · · ·) in codice Morse, facilitando il riconoscimento degli altri simboli utilizzando al massimo 8 elementi.

Quando è stato utilizzato per la prima volta il segnale SOS?

Il primo segnale SOS della storia fu inviato, il 10 giugno 1909, dall’equipaggio della nave “Slavonia“, che apparteneva alla compagnia inglese Cunard, e poi dalla nave “SS Arapahoe“, l’11 agosto 1909, mentre era al largo della costa della Carolina del Nord.

Tuttavia, c’è stata una certa resistenza da parte della Marconi International Maritime Communications Company ad adottare il nuovo segnale. Fino all’affondamento dell’RMS Titanic nell’aprile 1912, Marconi e gli operatori della nave confusero le chiamate di soccorso CQD e SOS. Nell’interesse della coerenza e della sicurezza in mare, l’uso del CQD sembra essersi estinto in seguito.

Articolo precedente
Articolo successivo

curiosità correlate

Stay Connected

0FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime curiosità