25.6 C
New York
domenica, Giugno 23, 2024

Buy now

Dove si trova la “porta dell’inferno”?

La porta dell’inferno è un grande cratere in cui il fuoco brucia da oltre 50 anni. Questo luogo conosciuto anche con un nome meno apocalittico, Darvaza Crater è un buco nel deserto che misura 70 metri di larghezza e almeno 20 metri di profondità. Lo scavo di questo foro iniziò nel 1971 durante un’operazione di perforazione sovietica per poter estrarre gas naturale. Il Turkmenistan, perché è lì che si trova la Porta dell’Inferno, è una nazione ex-sovietica. Il disastro è avvenuto quando il terreno sotto la piattaforma di perforazione è crollato e l’impianto è caduto in una caverna di gas naturale. Quando il gas metano nocivo è entrato nell’aria, i geologi hanno deciso che la soluzione migliore era quella di incendiare il cratere.

Hanno stimato che il gas all’interno avrebbe bruciato solo per poche settimane. La realtà mostra che cinquant’anni dopo, la porta dell’inferno sta ancora bruciando. Nel frattempo, questo posto è diventato una delle principali attrazioni turistiche del Turkmenistan. Il cratere fiammeggiante ha guadagnato notorietà nelle immagini pubblicate su Internet nel 2019. A quel tempo, il presidente Berdymukhamedov ha pubblicato un video in cui stava guidando attraverso il deserto, vicino al buco, in un’auto da rally, facendo derapate.Turkmenistan

Il cratere è stato descritto anche in un episodio della serie di “National Geographic Channel Die Trying”. Nell’episodio del 16 luglio 2014 “Crater of Fire”, l’esploratore George Kourounis è diventato la prima persona a metterci piede, raccogliendo campioni di microrganismi estremofili. Una foto modificata del cratere è stata anche rilasciata come pubblicità per il film Godzilla del 2014, con l’immagine raffigurante agenti e veicoli MONARCH che indagano sul sito.

Sebbene il cratere abbia catturato l’immaginazione del pubblico come un mistero e sia stato chiamato la “Porta dell’Inferno”, il cratere è una semplice anomalia geologica. Una sacca di gas superficiale che ha permesso alla terra di sprofondare in una depressione naturale, permettendo al gas naturale che lentamente fuoriesce da un grande giacimento di gas naturale più profondo di accumularsi e bruciare senza essere spento dal vento. Il gas proveniente da perdite di gas simili e più piccole nell’area viene rapidamente disperso dai venti del deserto. Nel 2018, il cratere del gas è stato utilizzato come sosta notturna al rally automobilistico Amul-Hazar.porta dell'inferno

curiosità correlate

Stay Connected

0FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime curiosità