24.4 C
New York
mercoledì, Giugno 12, 2024

Buy now

In quale Paese il divorzio è illegale?

Il matrimonio tra due persone è uno dei momenti più belli della vita o almeno così dovrebbe essere. Il divorzio rappresenta il fallimento del matrimonio, nonché un momento che deve essere dimenticato il prima possibile. Nel mondo ci sono due Paesi dove il divorzio è vietato: il Vaticano e le Filippine. Questo Paese asiatico ospita milioni di figli illegittimi e leggi sul matrimonio che fanno sembrare il Vaticano uno stato liberale.

In quale stato è vietato il divorzio?

Divorzio

In occasione del suo 84esimo compleanno nel 2011, gli amici dell’ex senatore filippino Ramon Revilla, una star del cinema diventata politica, hanno svelato un’imponente statua di bronzo alta 10 metri in suo onore. I suoi film sono in gran parte dimenticati e i suoi successi come parlamentare sono stati marginali, ma sarà ricordato a lungo nelle Filippine per aver generato almeno 72 figli con 16 donne diverse, una sola delle quali era sua moglie. Di questi, solo 38 bambini portano il suo cognome. Non è chiaro cosa dovrebbe onorare la statua, ma è stato un momento opportuno per sottolineare che le Filippine sono da tempo prive di una legge sul divorzio .

Secondo un sondaggio del 2017, più della metà della popolazione pensa che il divorzio dovrebbe essere legalizzato; 7 filippini su 10 condividono una legge che permette al governo di distribuire contraccettivi ai poveri (norma promulgata nel 2012 ma mai pienamente applicata), alcuni di loro sono apertamente gay, e il gay pride organizzato lo scorso anno a Manila, la capitale, ha attirato 70mila persone.

La chiesa sta perdendo terreno a causa del divorzio

separazione e divorzio

Le Filippine sono ora l’unico paese al mondo che non consente il divorzio per la maggioranza dei suoi cittadini. La religione dominante in questo paese asiatico è il cattolicesimo e la chiesa ha lottato duramente per imporre le sue opinioni sulla santità del matrimonio. Papa Francesco, che ha recentemente visitato le Filippine, ha esortato i suoi vescovi ad adottare una posizione più indulgente nei confronti dei cattolici divorziati.

Secondo quanto riferito, nel governo filippino è stato discusso un disegno di legge per legalizzare il divorzio. Tuttavia, la legge non fu approvata perché necessitava dell’appoggio dell’allora presidente, Benigno Aquino III, il quale sosteneva che il divorzio non fosse accettabile. Sostenendo che il paese non può diventare come Las Vegas, dove le persone si sposano la mattina e divorziano la sera.

La Chiesa cattolica e non solo sta perdendo terreno, anno dopo anno, di fronte alle richieste provenienti da tutto il mondo che vogliono una legge sul divorzio. Il primo duro colpo arrivò nel 1970, quando l’Italia legalizzò il divorzio nonostante la feroce opposizione del Vaticano. Un tentativo di abrogare la legge italiana sul divorzio fu respinto con un referendum nel 1974. Seguì il Brasile, che legalizzò il divorzio nel 1977, seguito da Spagna (1981), Argentina (1987), Irlanda (1997) e Cile (2004).

Quindi, le Filippine e il Vaticano sono gli unici paesi del pianeta dove il divorzio è ancora vietato. Nelle Filippine, la gerarchia cattolica si vanta soprattutto di essere l’ultimo ostacolo alla legalizzazione del divorzio.

due persone si lasciano

Nelle Filippine il divorzio è consentito solo ad alcuni

La legge filippina consente il divorzio per la minoranza musulmana del paese, che costituisce circa l’11% della popolazione. L’unica opzione legale disponibile per le coppie non musulmane che chiedono la separazione è chiedere un annullamento religioso o un annullamento civile. Va precisato che la Chiesa accetta che una coppia si separi, ma le rispettive persone non possono più risposarsi.

L’annullamento differisce dal divorzio in quanto le parti devono dimostrare che il matrimonio era difettoso fin dall’inizio. Cioè, uno o entrambi erano troppo giovani per sposarsi (l’età minima nelle Filippine è 18 anni; per gli uomini musulmani è 15, per le ragazze “la pubertà”), che non è stato ottenuto il consenso dei genitori, che una delle parti era già sposato o affetto da una malattia sessualmente trasmissibile incurabile. Di conseguenza, un tribunale ecclesiastico o un giudice civile può dichiarare nullo il matrimonio.

 

curiosità correlate

Stay Connected

0FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime curiosità