30.8 C
New York
sabato, Giugno 22, 2024

Buy now

Perché festeggiamo il Capodanno il 1° di gennaio?

Fin da quando eravamo bambini impariamo che la fine di un anno è segnata dal Capodanno, cioè la notte tra il 31 dicembre e il 1 gennaio, ma perché festeggiamo il nuovo anno proprio il 1 gennaio? Questa data non è determinata da alcun evento naturale o astronomico; il Capodanno è un evento civile, non definito dalla natura. Tuttavia, per noi nell’emisfero settentrionale, dove la lunghezza del giorno ha recentemente raggiunto la soglia più bassa e le giornate iniziano ad allungarsi di nuovo, c’è una sensazione di rinascita nell’aria.

Il primo di gennaio

Giano
Dio romano Giano

Secondo il calendario gregoriano, il 1 ° gennaio è la data ufficiale per la celebrazione del nuovo anno. Questa data segna l’inizio del nuovo anno per molte culture, essendo stata stabilita dall’imperatore romano Giulio Cesare nell’anno 46 a.C. e dedicata al dio romano Giano, il dio che aveva due facce, una rivolta in avanti (il futuro) e l’altra indietro (il passato). Era il guardiano di tutti i cancelli e gli ingressi, e doveva automaticamente essere anche il guardiano dell’ingresso al nuovo anno.

Durante il Medioevo il calendario giuliano venne usato molto ma non tutti erano d’accordo sulla data da usare come inizio ufficiale del nuovo anno. Difatti in Francia veniva celebrato a Pasqua e in Inghilterra il 25 marzo. Nel 1622 fu nuovamente fissata la data, questa volta definitivamente, il 1º gennaio da papa Gregorio XV che volle semplificare il calendario delle festività religiose.

capodanno fuochiPer celebrare il nuovo anno, i romani fecero anche promesse a Giano. La tradizione degli auguri di Capodanno deriva da questa antica usanza.  Inoltre vale la pena ricordare che il Capodanno è la festa più antica di sempre. I babilonesi lo celebravano il 23 marzo, già negli anni 2000 a.C. Quando Giulio Cesare stabilì il calendario giuliano, mise gennaio (il nome del mese viene dato appunto dal dio Giano) all’inizio e così divenne ufficialmente il nuovo anno il 1 ° gennaio. 

In quale data si celebra il Capodanno in altre culture?

capodannoSe la maggior parte dei calendari solari come per esempio quello gregoriano e giuliano iniziano l’anno in corrispondenza o in prossimità del solstizio d’inverno settentrionale, le culture che seguono un calendario lunisolare o lunare come per esempio il capodanno cinese e il capodanno islamico lo celebrano in un altro periodo dell’anno.

Naturalmente il calendario gregoriano, con le sue scadenze e le sue ricorrenze, divenne gradualmente usato solamente nei Paesi Cristiani. Oggi, sebbene molte persone celebrino il nuovo anno il 1° gennaio, alcune culture e religioni celebrano l’ingresso in un nuovo anno in date diverse. Ad esempio, gli ebrei usano un calendario lunare e celebrano il nuovo anno in autunno, da Rosh Hashanah, il primo giorno del mese di Tishri, che è il settimo mese dell’anno ebraico. Questa data di solito appare a settembre.

Capodanno cinese

Inoltre c’è anche il famoso capodanno cinese, noto anche come capodanno lunare, celebrato per settimane a gennaio o all’inizio di febbraio. A partire da questa data, le festività durano per quindici giorni, concludendosi con la tradizionale Festa delle lanterne.

capodannoIl capodanno cinese è la festa cinese più importante. Il capodanno cinese è celebrato nei paesi del sud-est asiatico come Cina, Tailandia, Indonesia, Malesia e Filippine. Inoltre, il giorno del nuovo anno viene celebrato nei quartieri cinesi e nelle case asiatiche di tutto il mondo, dove è considerato un momento per onorare divinità e antenati e per stare con la famiglia. L’evento innesca sempre un’ondata di viaggi che il New York Times ha definito la più grande migrazione umana annuale del mondo.

Le vacanze del Capodanno cinese dello scorso anno furono celebrate il 1 ° febbraio 2022. Era l’anno della Tigre. Nel 2023, invece, il capodanno cinese inizierà sabato 22 gennaio 2023, e questo sarà l’anno del Coniglio.

curiosità correlate

Stay Connected

0FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime curiosità