19.3 C
New York
sabato, Giugno 15, 2024

Buy now

Perché Google si chiama Google?

Di pari passo con la massificazione di Internet, il motore di ricerca Google è diventato un elemento assolutamente indispensabile nella nostra quotidianità. Assolutamente tutto ciò che facciamo su Internet, finisce per passare attraverso questo grande motore di ricerca. Nonostante è comune per noi esprimerci con frasi del tipo “Lo cercherò su Google”, la maggior parte non conosce l’origine del nome di Google. Scopriamolo insieme.

La storia di Google, dai suoi inizi

I co-fondatori di GoogleLarry Page eSergey Brin sono senza dubbio fan dei giochi di parole, e sembrano avere un feticcio con nomi di società che sono sia goffi che significativi allo stesso tempo. Se parliamo del perché Google si chiama Google, ci imbattiamo in una tendenza che si ripete in questa coppia di visionari. Un esempio perfetto di questo è stato quando Google ha lanciato la sua nuova struttura operativa, Alphabet. La pagina spiega il nome: “Ci è piaciuto il nome, in quanto si riferisce alla raccolta di simboli che rappresentano il linguaggio, una delle innovazioni più importanti dell’umanità, e anche il nucleo della forma dell’indice di ricerca di Google!”

Ma di certo non era la prima volta che il duo sperimentava il linguaggio. Nel 1996, prima ancora che Google esistesse come entità, Page e Brin stavano già inventando strani nomi per i motori di ricerca. Entrambi erano studenti di informatica alla fine degli anni Novanta, presso la prestigiosa Stanford University, negli Stati Uniti. Da lì hanno deciso di creare un sito Web che mirava a classificare i siti Web in base al numero di pagine che si riferivano a loro. Più di due decenni dopo la sua fondazione, l’origine del nome Google ha varcato i confini di tutto ciò che era prevedibile, diventando il sito web più visitato al mondo e aggiungendo milioni e milioni di ricerche giornaliere. motore di cerca google

Da BackRub a Google

Secondo la Stanford University e il sito stesso, la pagina di Google nella sua incursione nel mondo dei motori di ricerca era inizialmente chiamata “BackRub”. Sì, BackRub. Lo hanno chiamato così perché il programma ha analizzato i “backlink” del web per capire quanto fosse importante un sito web e quali altri siti si riferiscono ad esso. BackRub ha operato sui server di Stanford fino a quando non ha finalmente iniziato a occupare troppa larghezza di banda.

Ma è stato nel 1997 che il progetto avrebbe iniziato ad avere bisogno di qualcosa di più. L’origine del nome di Google corrisponde proprio a quella ricerca di un’originalità in più, di un elemento che fosse davvero differenziante e con il potenziale di penetrare, come ha fatto, nelle menti dell’intero pianeta. Page e i suoi compagni di ufficio di Stanford decisero che il nome BackRub non era abbastanza buono, così iniziarono a testare diverse alternative alla tecnologia dei motori di ricerca, opzioni che evocavano semplicemente la quantità di dati indicizzati. Ma tutto ciò non sembrava essere abbastanza. Allora perché Google si chiama Google? Google

Google

Il nome in realtà deriva da uno studente laureato a Stanford di nome Sean Anderson. Anderson ha suggerito la parola “googolplex” durante una sessione di brainstorming, in cui è stato deciso il più breve “googol”. Googol è la cifra 1 seguita da 100 zeri, mentre googolplex è un 1 seguito da un googol di zeri. Poiché il linguaggio informatico utilizza zeri e uno, Page e Brinles hanno pensato che fosse ideale fare riferimento al loro obiettivo di organizzare le immense informazioni che possono essere trovate sulla rete. Questa rappresentazione dell’ampiezza sarebbe la prima spiegazione del perché Google si chiama Google, ma c’era un altro fatto.

Nell’origine del nome di Google si aggiunge anche un piccolissimo e fortunatissimo errore. Anderson ha controllato se il dominio Googol.com era già stato scelto, ma ha cercato accidentalmente “google.com” invece di “googol.com”. A loro piaceva ancora di più quel nome e lo registrarono con quel dominio il 15 settembre 1997. Google è forse il motore di ricerca più grande e più utilizzato su Internet oggi, quindi è senza dubbio un errore leggendario, perché ora potremmo tutti entrare in gogool.com. Quanto suona strano, vero?

Alcuni dati legati al gigante della ricerca

Ma oltre a conoscere l’origine del nome di Google, vale la pena anche aggiungere altri dati alle tue conoscenze sul gigante della ricerca:

  • Ti sei mai chiesto cosa significano i colori Google? Bene, vi diciamo che hanno la loro origine nei colori dei pezzi del famoso gioco Lego, ed è che il primo computer utilizzato dai fondatori di Google per dare vita a questa meravigliosa impresa, era basato su pezzi Lego;
  • Il gigante Google è lo spazio su Internet in cui vengono effettuate più di tre miliardi di ricerche diverse al giorno. Ciò implica che circa 1,17 miliardi di persone utilizzano questo sito ogni giorno;
  • Oltre all’origine del nome Google, è interessante sapere che i suoi servizi aggiuntivi sono abbastanza apprezzati. Ad esempio, attualmente ci sono più di 450 milioni di account Gmail attivi. Il motore di ricerca guadagna anche circa il 5% di nuovi utenti ogni anno.colori google

curiosità correlate

Stay Connected

0FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime curiosità