24.4 C
New York
mercoledì, Giugno 12, 2024

Buy now

Perché i libri diventano gialli?

Il passare degli anni lascia il segno su tutti noi, e a quanto pare i libri non fanno eccezione. Sicuramente in una scatola nel vostro ripostiglio o su qualche scaffale avete qualche libro, magari ereditato dai vostri genitori, o comprato di seconda mano, con quel caratteristico tono giallastro. Lo stesso vale per gli appunti universitari, i giornali che conserviamo o qualche vecchia lettera d’amore.

Tutto ha a che fare con l’ossigeno

libriCiò è dovuto alla reazione dei componenti con cui sono fatti. La carta è costituita da componenti che ingialliscono nel tempo, almeno se esposti all’ossigeno. La maggior parte della carta è fatta di legno, che è composto da cellulosa e un componente naturale chiamato lignina, che conferisce alle pareti cellulari delle piante la loro rigidità e rende rigido anche il legno. La cellulosa, è una sostanza incolore, molto brava a riflettere la luce, il che significa che la percepiamo come bianca. Questo è il motivo per cui la carta, comprese le pagine di tutto, dagli spartiti ai dizionari, è generalmente bianca.

Il problema si presenta con la lignina che, esposta alla luce e all’aria, cambia la sua struttura molecolare. È suscettibile all’ossidazione, un processo che crea molecole chiamate cromofori – che significa “portatori di colore” in greco – che nel caso dell’ossidazione della lignina sono di quel colore giallo o marrone.

L’ossidazione è anche responsabile di una doratura – processo mediante il quale il cibo assume un colore marrone – della mela affettata quando viene lasciata sul bancone della cucina. I produttori di libri e carta ne sono consapevoli e cercano di rimuovere la maggior parte della lignina dalla produzione per mantenere la carta bianca più a lungo. Il contrario si verifica con le pagine di giornale che, essendo di qualità inferiore, hanno più lignina e ingialliscono prima.

L’unico modo per evitare che il passare del tempo danneggi le pagine di un libro o di un giornale è tenerle lontane dall’ossigeno, sostituendolo con azoto, argon o altri gas inerti, oltre che dalla luce, in quanto questo accelera il processo di ossidazione.

Inoltre è interessante notare che i produttori di sacchetti di carta marrone o scatole di cartone sfruttano la lignina perché rende i loro prodotti più resistenti. Questi prodotti non sono scoloriti, permettendo loro di portare il loro colore per molto più tempo. Sono abbastanza rigidi da trasportare prodotti commestibili, per esempio. libro

Curiosità sui libri:

  •  Il libro più costoso del mondo
codice Leicester
Codice Leicester

Il Codice Leicester, il manoscritto il cui autore è Leonardo da Vinci, risale al XVI secolo e rappresenta una raccolta di 73 schede scritte nello stile del grande scienziato, da destra a sinistra. Il libro contiene studi e disegni spettacolari su correnti e trombe d’aria. Un’altra parte considerevole del libro è dedicata all’astronomia e affronta la relazione tra il Sole, la Terra e la Luna.

Il Codice Leicester è stato acquistato nel 1994 dal famoso Bill Gates per non meno di 30 milioni di euro, diventando così il libro più costoso al mondo di tutti i tempi. Poiché è un libro importante per tutta l’umanità, Bill Gates lo rende disponibile al grande pubblico prestandolo ai grandi musei del mondo. La presentazione del libro è elettronica, comprensiva di touch screen con il quale è possibile esplorare l’intero documento. 

  • Il primo libro stampato al mondo

Johannes Gutenberg è considerato l’inventore della stampa a caratteri mobili. Ha usato per la prima volta nel 1440 lettere di piombo che ha assemblato una per una per formare parole. Il primo libro stampato in serie da Gutenberg fu la Bibbia, nel 1456. Il libro fu stampato in 48 copie e consisteva di due volumi di 1200 pagine. Il lavoro di stampa del libro sacro richiese più di due anni.

  • L’autore più giovane del mondo

Un bambino di 4 anni delle Seychelles attualmente detiene il record mondiale per l’autore più giovane che abbia mai pubblicato un libro. Il suo record è iscritto nel Guinness dei Primati nel 2017. Il titolo del libro è “Junk Food”, e il ragazzo si chiama Thanuwana Serasigne. Voleva avvertire i bambini che un determinato cibo può danneggiarli e li esorta a pensarci due volte prima di consumarlo.

curiosità correlate

Stay Connected

0FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime curiosità