30.8 C
New York
sabato, Giugno 22, 2024

Buy now

Perché le monete sono zigrinate sul bordo?

Le maneggiamo tutti i giorni e forse neanche ci facciamo più caso ma tutte le monete hanno attorno al loro perimetro una rigatura verticale. Viviamo la nostra vita in un mondo in cui il denaro è al potere, sia che si parli di carte preziose o di banali monete. Tuttavia, perché le monete sono seghettate sul bordo?

Le prime monete

Nel corso della storia umana, le monete di tutto il mondo sono state fatte di oro e argento tra gli altri metalli preziosi. Quando le banconote non erano ancora apparse, le monete erano l’unico modo per comprare qualsiasi cosa.

L’uso di questi metalli preziosi nelle monete ha fatto sì che le persone iniziassero a radere i bordi delle monete per massimizzare il loro profitto a lungo termine. In questo modo, hanno guadagnato denaro extra con la polvere di metallihanno usato la valuta come se avesse lo stesso valore di prima di archiviarla.

Di conseguenza, è cresciuto anche il mercato delle monete contraffatte, incidendo ulteriormente sulla fiducia dei cittadini nei loro confronti. Per evitare l’inganno, i mercanti decisero di pesare le monete. Se il peso era inferiore a quanto concordato, chiedevano più monete, perché era un segno che alcune di esse erano archiviate e non avevano il valore che corrispondeva ad esso.

Isaac Newton e il cambiamento

Nel 1696 Isaac Newton fu nominato direttore della zecca inglese, incarico che mantenne per 30 anni. Durante quel periodo riuscì a migliorare il sistema monetario in Inghilterra grazie all’imposizione di rigorosi standard di precisione e qualità. Una delle sue misure era quella di coniare le monete con scanalature e segni sui bordi, quindi, quando mancava uno di questi marchi, si poteva facilmente sapere che questa moneta era stata depositata e quindi non aveva più il valore assegnato.

Di conseguenza, molte monete fatte di metalli preziosi iniziarono ad avere i bordi seghettati, il che permetteva ai cittadini di capire immediatamente se i bordi erano stati raschiati o meno. Con questo, l’Inghilterra fu il primo paese a iniziare a coniare monete con zigrinate sui bordi.

Monete euro

Ad oggi hanno i segni hanno altri scopi

Sebbene oggi il componente principale delle monete non sia più l’oro o l’argento, i segni sui loro bordi sono ancora molto utili. Per i non vedenti potrebbe essere un problema differenziare il valore delle valute se fossero tutte uguali. Quando negli anni Novanta, la Banca Centrale Europea (BCE) stava creando l’euro, raggiunse un accordo con l’Unione Europea dei Ciechi (UEC), per progettare monete e banconote che avrebbero facilitato la differenziazione per le persone con problemi di vista.

“Un design che risponde alle esigenze dei non vedenti o degli ipovedenti risponde anche alle esigenze degli altri cittadini”, spiega la BCE che questo era il principio su cui si basavano per progettare banconote e monete negli anni Novanta.

Come spiega la BCE, le monete da € 2 hanno caratteri incisi sul bordo, le monete da € 1 intervallano sezioni molto sottili con tre sezioni lisce, le monete da 50 e 10 centesimi sono piene di scanalature, le monete da 20 centesimi hanno un bordo liscio e sette scanalature, le monete da 5 e 1 hanno bordi lisci e le monete da 2 centesimi hanno una scanalatura attorno all’intero bordo. Oltre a tutto questo, le monete hanno dimensioni, pesi e spessori diversi in base al loro valore, “più alto è il loro valore, maggiore è il peso, tranne nel caso della moneta da 1 euro”, spiega la BCE.

Curiosità sulle monete:

  • La moneta più piccola del mondo pesa solo 0,002 grammi e proviene dal Nepal;
  • La moneta più pesante e preziosa del mondo pesa 1012 kg ed è la “Australian Kangaroo”. Nel 2012  è stata inserita nel Guinness dei primati come la moneta più grande e più pesante del mondo. È fatta d’oro della più alta finezza, 999,9, ha uno spessore di 12 cm e un diametro di 80 cm;
  • La moneta apparve nel VII secolo a. C. in Lidia (Turchia) dove il re Gige coniò lo statere in elettro, una lega in oro e argento garantita nel peso, nella misura e quindi nel valore.

curiosità correlate

Stay Connected

0FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime curiosità