23.1 C
New York
sabato, Giugno 15, 2024

Buy now

Qual è la vera storia di Jeffrey Dahmer?

Il tasso di criminalità negli Stati Uniti è sempre stato a un ritmo allarmante rispetto ad altri paesi del mondo. Sempre più fonti riportano eventi spaventosi accaduti decenni fa. Dal famoso Ted Bundy arriviamo alla storia di un giovane di nome Jeffrey Dahmer. Protagonista della serie Netflix “Dahmer – Mostro: la storia di Jeffrey Dahmer”. Ma chi era veramnte Jeffrey Dahmer e quanto sono reali i fatti della serie Netflix?

Dahmer-Jeffrey-bambino
Jeffery Dahmer da bambino

La vita di Jeffrey Dahmer, da bambino ad assassino

Jeffrey nacque nel 1960 a Milwaukee, la sua vita doveva prendere una piega completamente diversa. Suo padre era un chimico e a sua madre un’istruttrice di telescriventi. Fino all’età di sei anni era visto come un bambino energico e allegro, entrò nel ciclo scolastico tranquillo e timido, con piccoli segni che avrebbero mostrato un abbandono precoce.

Fin dall’infanzia e dall’adolescenza, il piccolo Dahmer ha mostrato una curiosità per gli animali morti. Non di rado, durante la preparazione del pasto da parte del padre, ascoltava affascinato il modo in cui si spezzavano le ossa dei piatti. Nel 1968 la famiglia si trasferì in una casa su un ettaro di bosco. Qui Jeffrey iniziò a sviluppare un carattere chiuso e apatico, quasi sicuramente influenzato dal fatto che il padre era sempre meno presente a casa a causa del suo lavoro e a sua madre venne diagnosticata una malattia mentale. La casa aveva anche una piccola capanna dove il bambino iniziò a raccogliere insetti o scheletri di piccoli animali, mettendoli in barattoli con un composto chimico.

Nel corso del tempo, la curiosità si è trasformata in quello che sarebbe stato conosciuto come… omicidio. Nel 1977 i suoi genitori divorziarono, dopo che il padre scoprì che la madre lo tradiva con un altro uomo. Nell’estate del 1978, dopo il diploma della scuola superiore, avvenne il suo primo omicidio. Dahmer prese un autostoppista di 19 anni di nome Steven Mark Hicks. Lo invitò a casa sua a bere una birra e gli fece ascoltare della musica. Dopo diverse bottiglie, il giovane Steven voleva tornare a casa quando Dahmer lo colpì con un manubrio da 4.5 kg. Il giorno successivo, il suo corpo è stato sezionato e sepolto nel cortile.

Successivamente al primo omicidio, si iscrisse all’università e anche all’esercito. Fu espulso da entrambi e si trasferì a  casa della nonna. Lì ebbe i suoi primi incontri sessuali con uomini e ne uccise altri tre. Sua nonna finì per buttarlo fuori casa. Fu allora che si trasferì nell’appartamento in  North 25th Street. Lì uccise altri dodici giovani.

Jeffrey-Dahmer-arresto
Jeffey Dahmer, Il Cannibale di Milwaukee

Nel 1991, Dahmer conobbe Tracy Edwards e come sempre lo invitò a casa sua. Edwards, una volta nella stanza di Dahmer si accorse della presenza di foto che ritraevano cadaveri smembrati e di un fortissimo odore proveniente da un barile. Fu l’unica vittima sopravvissuta, riuscendo a fuggire e ad avvisare la polizia. All’interno dell’appartamento furono ritrovati moltissimi resti di cadaveri conservati nel frigo, alcune mani e teste all’interno di pentole, due cuori umani, testicoli e peni conservati nel freezer e le fotografie di tutti i 17 cadaveri. Divenne noto come il mostro di Milwaukee o il cannibale di Milwaukee. Fu accusato di omicidio, violenza sessuale e cannibalismo. Nel 1992 fu condannato a diversi ergastoli.

Come è morto Jeffrey Dahmer?

Il 28 novembre 1994, Dahmer è stato picchiato a morte da Christopher Scarver, un compagno di cella presso il Columbia Correctional Institution di Portage, nel Wisconsin. Per fare questo, l’uomo ha utilizzato una barra d’acciaio per sollevare pesi presa dalla palestra. Non solo l’ha usato per uccidere Jeffrey Dahmer, ma ha fatto lo stesso con un altro detenuto di nome Jesse Anderson. ” Dio mi ha detto di farlo “, ha affermato Scarver dopo aver posto fine alle loro vite. 

Alcune teorie suggeriscono che sia stata una  vendetta razziale, che Scarver abbia compiuto quegli omicidi per conto della comunità nera. Va ricordato che molte delle vittime di Dahmer erano uomini di colore. Anderson, dal canto suo, aveva accusato due uomini afroamericani della morte della moglie, quando era stato lui ad accoltellarla. 

processo-Dahmer
Jeffrey Dahmer durante il processo

Cos’è la realtà e la finzione nella serie Netflix di Jeffrey Dahmer?

Sin dal suo lancio sulla piattaforma di streaming, la serie ha riscosso un vero successo. La serie è composta da 10 episodi ed è attualmente in cima alle serie Netflix più viste. Per catturare ulteriormente l’attenzione degli spettatori, alcuni fatti non sono ispirati dalla realtà.

  • Glenda Cleveland gioca un ruolo fondamentale nell’arresto di Dahmer. Nella serie, è la vicina del criminale, avendo frequenti interazioni, che portano a molteplici denunce alla polizia. In realtà, i due non si sono mai incontrati;
  • Jeffrey Dahmer non beveva il sangue delle sue vittime. In un episodio, viene mostrato mentre porta a casa una sacca di sangue da bere. In realtà, questo non è mai avvenuto;
  • Il criminale non ha portato gli occhiali durante il processo.
Serie-Dahmer
Evan Peters con gli occhiali nella serie Netflix interpreta Jeffer Dahmer

curiosità correlate

Stay Connected

0FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime curiosità