23.4 C
New York
venerdì, Luglio 19, 2024

Buy now

Quali sono gli Stati in cui l’aborto è illegale?

L’aborto è l’interruzione della gravidanza sia per cause naturali, come problemi anatomo-fisici, sia per cause causate. Questo processo porta alla morte del feto. Negli stati civili, l’aborto è considerato un diritto delle donne, che può essere effettuato nelle prime settimane di gravidanza, quando non vogliono avere un figlio per vari motivi più o meno oggettivi.

L’aborto “su richiesta” è oggetto di numerose controversie e può sollevare questioni morali. Si verifica chirurgicamente su espresso desiderio della donna. L’opposizione all’aborto viene spesso da organizzazioni religiose. Molti credono che ci sia una lotta tra il diritto della donna sul proprio corpo e il diritto del feto alla vita. Tuttavia, secondo i medici, il piccolo non sviluppa sensi di dolore fino alla 24a settimana di gravidanza.

Paesi in cui le donne non sono autorizzate ad abortire

La Corte Suprema degli Stati Uniti ha recentemente deciso di annullare il diritto delle donne ad abortire dopo quasi mezzo secolo di protezione per questo diritto delle donne. La decisione è sorprendente, dato che gli Stati Uniti sono visti come la democrazia più potente del mondo. Secondo il Guttmacher Institute, un gruppo di ricerca pro-choice (pro-choice o piuttosto pro-aborto), 26 dei 50 stati americani dovrebbero agire immediatamente contro le cliniche per aborti, ha scritto  il time.com.

Secondo il Center for Reproductive Rights, ci sono 24 paesi nel mondo in cui l’aborto è completamente vietato. In Europa, questo diritto delle donne è vietato in Andorra e Malta, in El Salvador e Honduras in America centrale, in Senegal e in Egitto in Africa e nelle Filippine e Laos in Asia. I dati statistici mostrano che circa 90 milioni di donne vivono in paesi in cui l’aborto è completamente vietato.

Gli attivisti e i militanti pro-aborto in molti di questi paesi continuano a lottare per allentare queste restrizioni. Le dure leggi in El Salvador, introdotte nel 1998 sotto la pressione della Chiesa cattolica, hanno causato la perdita della vita a molte donne avendo segretamente abortito, e coloro che sono sopravvissute e sono state catturate e accusate di omicidio aggravato.

– La selezione –

Più di 50 paesi e regioni del mondo consentono l’aborto solo quando la salute della donna è a rischio. In alcune aree si fa riferimento solo alla salute fisica, mentre in altre è inclusa anche la salute mentale. Questi stati includono Libia, Iran, Indonesia, Venezuela e Nigeria. In alcuni paesi, l’aborto è consentito per i casi di stupro, incesto o anomalie del feto.

In Brasile, ad esempio, l’aborto è illegale, tranne nei casi di stupro, quando la vita della donna è in pericolo o quando il feto ha l’anencefalia, cioè manca una parte del cervello o del cranio. Nel gennaio 2021 è stato introdotto in Polonia un divieto quasi totale di aborto, consentendo la procedura solo in caso di stupro, incesto o quando la vita della madre è in pericolo. Il divieto ha rimosso l’eccezione per i casi di anomalie del feto, gravi e irreversibili.aborto

In quali paesi le donne possono abortire senza problemi?

Secondo il Center for Reproductive Rights, in Giappone, India, Canada, così come nella maggior parte dei paesi d’Europa, le donne possono chiedere di abortire sulla base di motivi sociali o economici. Non meno di 72 paesi, tra cui Francia e Germania, consentono l’aborto in un certo periodo di gravidanza, cioè nelle prime 12 settimane. Anche in questi paesi, ci sono spesso una serie di eccezioni che consentono agli aborti di verificarsi anche dopo questo periodo. Nel Regno Unito, ad esempio, esiste un limite di 24 settimane per l’aborto, ma se il feto ha una disabilità come la sindrome di Down, la gravidanza può essere interrotta in qualsiasi momento durante la gestazione. legalità aborto nel mondo

Grazie per aver letto “Quali sono gli Stati in cui l’aborto è illegale?”

curiosità correlate

Stay Connected

0FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime curiosità