30.8 C
New York
sabato, Giugno 22, 2024

Buy now

Quando fu inventata la cerniera lampo?

Miliardi di cerniere vengono prodotte ogni giorno. Tuttavia, non è sempre stato cosi e per molto tempo l’umanità ha dovuto fare a meno di questa tecnologia così semplice.
Nelle prime fasi di sviluppo, la cerniera ha attraversato molte revisioni di design, tentativi di marketing senza successo e alcuni cambiamenti di nome.

Ad oggi la chiusura lampo è formata da due fettucce con fissati sopra dentini metallici o plastici in grado d’incastrarsi alla perfezione uno sull’altro e di liberarsi altrettanto facilmente. Il tutto, grazie allo scorrere di un cursore. Inoltre si trova in combinazione con la maggior parte dei materiali, in grado di soddisfare le esigenze di tutti i consumatori.

Dai bottoni al prototipo della prima cerniera lampo

Prima dell’arrivo della cerniera, le persone per riuscire ad unire due lembi di tessuto in modo provvisorio, usavano lacci di cuoio, fibbie metalliche, spille e bottoni.  Nel 1851, Elias Howe, inventore della macchina da cucire, creò un prototipo di cerniera lampo per abbigliamento formata da una serie di gancetti tenuti insieme da un cordoncino in grado di chiudersi e aprirsi.

Questo dispositivo, non era molto facile da usare, ma venne perfezionato circa 40 anni dopo, nel 1893 da Whitcomb L. Judson.
L’invenzione venne come soluzione ad un problema di un suo amico che aveva difficoltà con la schiena e non poteva piegarsi per chiudere i bottoni delle sue scarpe. Judson creò una cerniera con graffette, punti di sutura e una serratura laterale che li collegava destinata alla chiusura di stivali, scarpe e scarponi.

Nel 1894, Judson, per la produzione su larga scala della sua cerniera, fondò la “Universal Fastener Company” che però, non ebbe il successo sperato. Le cerniere iniziarono ad essere utilizzate su vari indumenti anche se non erano molto resistenti.

Finalmente la cerniera lampo moderna

Nel 1913, Gideion Sundbäck, ingegnere elettronico, si unì alla società di Judson e divenne capo progettista, perfezionando la cerniera tanto che è proprio a lui che gli storici attribuiscono l’invenzione della cerniera.
Sundbäck continuò a fare miglioramenti e nel 1917 la brevettò con il nome di “cerniera separabile” ; i dentini ormai erano maggiormente “uncinati” rispetto ai modelli passati, e anche più numerosi, inoltre ebbe l’idea di fissare la cerniera lampo su due nastri, da cucire a loro volta sui capi d’abbigliamento. Nello stesso anno, sono state vendute 24.000 pezzi.
Il primo grande cliente di Sundbäck fu l’esercito degli Stati Uniti. Durante la Prima Guerra Mondiale, le cerniere erano utilizzate per chiudere le tasche delle uniformi militari.

Il termine zip

Nel 1923, compare per la prima volta il termine zip. La fabbrica di pneumatici B.F Goodrich decise di creare gli Zipper Boot, delle galosce di gomma che si sarebbero chiuse usando la cerniera lampo di Sundbäck. L’applicazione della zip a galosce, stivali e stivaletti è in uso tuttora nelle grandi fabbriche di calzature nazionali e internazionali.

Il 1° gennaio 1934 fu fondata da Tadao Yoshida in Giappone la YKK (Yoshida Kogyo Kabushikikaisha), ancora oggi la più grande azienda di cerniere lampo, con 40.000 dipendenti che producono più di 2 milioni di Km. di cerniere lampo ogni anno. Nel 1937, un designer francese utilizzò per la prima volta la cerniera per realizzare pantaloni da uomo ed entro il 1939, più di 3 milioni di cerniere erano prodotte ogni anno per calzature e abbigliamento.

Inoltre negli anni Cinquanta, la cerniera venne impiegata anche dalla Nasa per realizzare le prime tute dei propri astronauti.

curiosità correlate

Stay Connected

0FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime curiosità