23.4 C
New York
venerdì, Luglio 19, 2024

Buy now

Che cos’è il Sangue di Drago?

Il Sangue di Drago è una resina vegetale rossa rinomata fin dall’antichità per le sue molteplici proprietà. È un rimedio naturale conosciuto in diverse culture in tutto il mondo. Ha diverse proprietà terapeutiche. È emostatico, antidiarroico, antimicrobico, antivirale, cicatrizzante, antinfiammatorio e antiossidante. Oltre a queste applicazioni mediche, il sangue di drago è anche usato come pittura, vernice e anche nell’arte spirituale.

La resina del drago e i suoi benefici

sangue di DragoIl sangue di drago è una resina vegetale naturale di colore rosso molto scuro, estratta da diverse specie di alberi tropicali conosciuti come alberi di drago. Questi possono provenire dai gruppi vegetali Croton, Pterocarpus, Daemonorops o Dracaena. benefici sangue di drago sono soprattutto cicatrizzanti, coagulante, emostatiche. Alcuni studi hanno dimostrato che il sangue di drago potrebbe accelerare il processo di guarigione delle ferite. Uno di questi è stato pubblicato sul Journal of Traditional and Complementary Medicine. Il sangue di drago può aiutare anche nella cura della pelle in quanto è diventato un ingrediente popolare nelle industrie di bellezza dato che la resina contiene proprietà antibatteriche, antiinfiammatorie e antiossidanti.

Inoltre i benefici della resina sono di alto potere rigenerante per la pelle. Tant’è che è ottimale per curare herpes, eczema ed è un eccellente antirughe, purifica e leviga la pelle del viso. Ci sono molti prodotti a base di questa resina da usare sia esternamente che internamente, cioè ingerendola. Esistono ad esempio le sangue di drago in capsule, pillole o creme.

L’albero del Sangue di Drago

resina albero Sangue del DragoL’albero del sangue di drago si trova nell’arcipelago di Socotra, un gruppo di quattro isole nell’Oceano Indiano. Conosciuto con il nome scientifico di Dracaena cinnabari, è considerato uno dei gioielli della terra. Cresce anche nelle zone tropicali, amazzonia, Canarie e via dicendo. Ciò che è davvero spettacolare di questo albero è che “sanguina” ogni volta che viene tagliato o quando un ramo viene rotto. La sua resina di colore rosso drena proprio come il sangue dal corpo umano.

La prima testimonianza documentaria di questo albero fu scritta dal tenente “Wellsted” durante la Compagnia delle Indie Orientali nel 1835. Il nome ufficiale fu dato dal botanico scozzese Isaac Bayley Balfour nel 1880. Allo stato attuale, si stanno compiendo grandi sforzi per preservare questa specie unica, distrutta nel tempo a causa dello sviluppo del turismo, delle attività industriali e del sovrapascolo.

Che aspetto ha l’albero del sangue del drago?

alberoNel suo ambiente naturale, l’albero del sangue di drago rimane eternamente verde e cresce particolarmente rapidamente, avendo una lunga durata. È un amante dei terreni calcarei, il suo habitat è ad altezze che vanno dai 300 ai 1500 metri. Ha una forma meno comune, sembra un ombrello tornito, i rami sono sollevati verso il cielo e le foglie sono lunghe, affilate e coperte da molta cera.

I fiori compaiono a febbraio e crescono solo alle estremità dei ramoscelli. In realtà, sono più simili a piccole e profumate infiorescenze, bianche o verde pallido, che, dopo cinque mesi, si trasformano in grani contenenti fino a tre semi. Gli alberi sono stati raccolti per la loro resina rosso cremisi, molto preziosa nel mondo antico.

Per inciso, la sua forma insolita è un adattamento per la sopravvivenza in condizioni aride con piccole quantità di terreno, come nelle cime delle montagne. La grande corona fornisce ombra e riduce l’evaporazione. Questa tonalità aiuta anche la sopravvivenza delle piantine che crescono sotto l’albero adulto, spiegando perché gli alberi tendono a crescere più vicini l’uno all’altro.

curiosità correlate

Stay Connected

0FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime curiosità