30.8 C
New York
sabato, Giugno 22, 2024

Buy now

Che differenza c’è tra teina e caffeina?

Una buona tazza di tè o caffè spesso ci rimette nel mondo. Hanno un potere energizzante, a cui proprio non riusciamo a rinunciare… E per ottimi motivi. In una troviamo la teina, nell’altra la caffeina. Per l’uomo, queste due sono sostanze psicoattive, che agiscono come stimolanti del sistema nervoso centrale. Con i loro benefici, promuovono l’attenzione e la concentrazione mentale, riducono i tempi di reazione, riducono la fatica e influenzano processi fisiologici, psicomotori e cognitivi. Ma che differenza c’è tra teina e caffeina?

Non c’è alcuna differenza. Teina e caffeina sono la stessa molecola: ma allora perché due nomi diversi? E perché tè e caffè hanno effetti leggermente diversi sull’uomo?

Molecola di teina e caffeina

Sì. Caffeina e teina sono la stessa sostanza, quindi hanno formule chimiche identiche. Ma ciò non significa che non vi sia alcuna differenza tra caffè e tè.
Anche se non c’è differenza nella formula chimica, esistono delle differenze per quanto riguarda gli effetti e le quantità, tra la caffeina contenuta in una tazza di caffè e quella contenuta in una tazza di tè.

Stessa molecola in diverse piante

In generale, si può dire che nel mondo vegetale, una vasta gamma di composti hanno la funzione di proteggersi dagli erbivori, compresi i due composti sopra menzionati. Spesso queste sostanze, hanno effetti psicoattivi e dopanti, e noi esseri umani, fin dall’alba dei tempi, le abbiamo utilizzate per scopi ludici, pratici o rituali.

Questa scoperta è, tuttavia, relativamente recente, e risale alla fine del 1800. E solo quando Teina e caffeina vennero confrontate per la prima volta, studiando gli ingredienti attivi presenti sia nelle foglie di tè che nei chicchi di caffè, ci si è resi conto dell’uguaglianza… Ma nel mentre, furono dati nomi diversi, e questo si mantenne nel tempo…
Questa sostanza è un alcaloide naturale, presente anche nel cacao e nella cola, nei semi, nelle foglie o nei frutti di tutte queste piante.

In ogni caso, è sbagliato pensare che, solo perché teina e caffeina hanno la stessa molecola, tè e caffè hanno lo stesso contenuto di caffeina. Sebbene la formula chimica sia la stessa, esistono tuttavia differenze significative nella concentrazione e nella quantità della sostanza attiva. E quindi, degli effetti sull’organismo.

Pianta di caffè

Le differenze

I polifenoli presenti in grandi quantità nel tè, rallentano infatti il ritmo di assorbimento della teina/caffeina… Quindi il suo effetto è più lento ma più prolungato, nel tè, più che nel caffè. Una tazza di tè contiene circa un terzo della caffeina di una tazza media di caffè americano e, in proporzione, anche meno dell’espresso. Quindi, a parità di volume, il caffè contiene più caffeina del tè.

Una differenza sostanziale tra i due, infatti, è che la caffeina agisce sul cuore e sulla circolazione, mentre la teina sul sistema nervoso centrale. Infatti, tra la caffeina del tè e quella del caffè, l’intensità e la durata della loro azione, sono diverse:

La caffeina del caffè, viene assorbita più velocemente e i suoi effetti si manifestano già dopo 20-30 minuti, ma si esaurisce in 2-3 ore al massimo.
Al contrario, la caffeina del tè contiene del tannino: questo determinaì un ingresso in circolazione meno brusco, ma più duraturo nel tempo. Ecco perché, rispetto al caffè, la qualità dell’attenzione che apporta il tè, è migliore. Questo ci permette di mantenere livelli di concentrazione molto più lunghi e, soprattutto, senza creare disturbi per l’organismo.

Pianta di tè

Curiosità

Come ridurre o aumentare la concentrazione di caffeina dal tè

Seguendo alcune semplici misure, puoi rafforzare o alleviare l’effetto della caffeina delle tazze di tè. Due modi per aumentare il rilascio di caffeina nel tè:

  • Portare l’acqua a una temperatura più elevata: se prepariamo il tè in acqua bollente, le foglie rilasceranno più caffeina.
  • Aumentare il tempo di infusione: più minuti lasci le foglie di tè in infusione, maggiore è il rilascio di caffeina.

In entrambi i casi, si noterà che l’aroma del tè può essere alterato e il gusto più amaro. Due modi per ridurre invece il rilascio di caffeina nel tè sono:

  • Abbassare la temperatura dell’acqua: se prepariamo il tè in acqua più fredda, le foglie rilasceranno molta meno caffeina.
  • Ridurre il tempo di infusione: meno tempo lasci le foglie di tè in infusione, meno le foglie avranno il tempo di rilasciare caffeina.

Grazie per aver letto con noi “Che differenza c’è tra teina e caffeina?”

curiosità correlate

Stay Connected

0FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime curiosità