30.8 C
New York
sabato, Giugno 22, 2024

Buy now

Chi ha inventato il termine “serial killer”?

I serial killer sono stati spesso analizzati da vari investigatori, medici, psicologi e psicoterapeuti per capire di più del comportamento. Anche gli investigatori che si sono occupati dei casi più gravi hanno cercato di trovare un modello o un acronimo per tali persone con deviazioni comportamentali. Ma chi ha inventato e come è nato il termine “serial killer”?

Robert Ressler, inventore del termine “serial killer”

Robert Ressler
Robert Ressler

Negli ultimi tre decenni, le persone che lavorano con la legge, così come i medici specialisti, hanno cercato di definire il comportamento di un serial killer. I partecipanti al Serial Murder Symposium hanno esaminato le variazioni per sviluppare una definizione unica di omicidio seriale. Le precedenti definizioni di omicidio seriale differivano perché alcuni avevano un certo numero di omicidi, che andavano da due a dieci vittime. Questo requisito quantitativo differenziava un omicidio seriale da altre categorie di crimine: semplice, doppio o triplo.

Un altro criterio per trovare una definizione di omicidio seriale definiva anche un periodo di tempo tra gli omicidi. Questo lasso di tempo era necessario per distinguere tra un omicidio di massa e un omicidio seriale. L’omicidio seriale richiedeva una separazione temporale tra i vari omicidi.

Il termine “serial killer” venne usato a partire dagli anni ’70 da Robert Ressler e John E. Douglas, membri dell’FBI. Ressler cercò di trovare modelli e analizzare i comportamenti di persone diverse al fine di trovare uno schema il più vicino possibile a quello di un tale assassino. Gli investigatori non avevano un nome per criminali come Jack lo Squartatore e Zodiac Killer, che hanno mietuto diverse vittime nel tempo intervallato da pause, fino a quando Ressler inventò il termine “serial killer”.

Non solo trovò una definizione per questi assassini, ma contribuì anche a creare l’unità di scienza comportamentale dell’FBI, diventando la prima persona a registrare e analizzare le caratteristiche psicologiche e comportamentali dei criminali in modo da valutare o prevedere le loro capacità o aiutare a identificarli.

killerPer anni, ha intervistato i più grandi criminali americani per stabilire categorie per identificare e rintracciare i serial killer, volendo catturarli in flagrante e smettere di raggiungere così tante vittime. I profili di Ressler hanno aiutato l’FBI a rintracciare i famigerati criminali degli anni 1970 e 1980. Anche se Ressler si è ritirato nel 1990 ed è morto nel 2013, rimane ancora un punto di riferimento nel mondo della polizia e degli investigatori per il personaggio di Bill Tench in Mindhunter di Netflix.

“Qualche interesse è che gli omicidi seriali sono quasi scomparsi … durante la seconda guerra mondiale, quando c’erano crimini su scala sempre più grande che si svolgevano su ogni fronte di battaglia. Dopo la guerra, tuttavia, tali crimini ricominciarono… e da allora hanno preso una velocità considerevole”, ha spiegato Ressler nel suo libro, I Have Lived in the Monster, scrive il Los Angeles Times, citato da All Thats Interesting.

Dopo essersi ritirato dall’FBI, scrisse una serie di libri sugli omicidi seriali e spesso tenne conferenze sulla criminologia. Ressler è morto nella sua casa in Virginia il 5 maggio 2013, a causa del morbo di Parkinson. Aveva 76 anni.

Curiosità sui serial killer:

  • Molti serial killer conservano “souvenir” dei loro crimini. Ad esempio, quando a Ted Bundy è stato chiesto perché prese le Polaroid dalle sue vittime, rispose: “Quando lavori duramente per fare qualcosa, non vuoi dimenticarlo”;
  • Gli Stati Uniti hanno il più alto numero di serial killer, pari al 76% del totale mondiale. La maggior parte di questi sono caucasici (84%) e solamente il 16% sono afroamericani. L’Europa è al secondo posto con appena il 17%. Di questi, l’Inghilterra ha il 28% dei serial killer, la Germania il 27% e la Francia il 13%;
  • Il Dr. Harold Shipman (1946-2004) è considerato il serial killer più prolifico della storia moderna, con oltre 250 omicidi attribuiti. Era un medico britannico che uccideva i suoi pazienti. Si è impiccato nella sua cella nel 2004;
  • Crime Times riporta che gli psicopatici hanno una soglia di paura più alta. In altre parole, possono essere immuni alla paura. Inoltre, la loro reazione di startle è significativamente inferiore a quella di una persona media, il che significa che hanno bisogno di un livello più elevato di eccitazione o stimolazione per avere un’esperienza intensa;
  • La maggior parte dei serial killer hanno subito abusi da minori. La negligenza e l’abuso non solo interferiscono con l’autostima di un bambino, ma interferiscono anche con la sua capacità di funzionare nella società, avere successo accademico e formare relazioni sane con gli altri. Naturalmente ci sono anche delle eccezioni. Jeffrey Dahmer per esempio ha avuto un’educazione apparentemente normale, eppure è diventato uno dei più orribili assassini sessuali nella cultura popolare.

    serial killer Dahmer
    Jeffrey Dahmer parla con Robert Ressler durante l’intervista

curiosità correlate

Stay Connected

0FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime curiosità