23.4 C
New York
venerdì, Luglio 19, 2024

Buy now

Cosa fa il #FOODPORN al nostro cervello?

Dietro ad ogni fotografia con l’hashtag #foodporn che si rispetti c’è sempre un bravo cuoco e un bravo fotografo. Davanti, invece, ci siamo noi con le papille gustative che iniziano a fremere semplicemente guardando lo schermo dello smartphone. Ma cosa succede esattamente al nostro cervello quando guardiamo immagini di cibo? Cosa fa il #foodporn al nostro cervello?

Il food porn ed il nostro cervello

“Si mangia prima con gli occhi”, non è solo un modo di dire che fa comodo ai food stylist: ma lo conferma anche la scienza. Per chiarire ciò che accade, un gruppo di studiosi della Brigham Young University, nello Utah, Ohio, ha condotto una ricerca per conoscere l’impatto che queste immagini hanno sulle persone. Instagram, Facebook, Twitter, Pinterest sono quelli che guidano le preferenze per mostrare e diffondere ciò che le persone pensano, fanno, amano e soprattutto, ciò che mangiano.

Che cosa hanno scoperto gli studiosi nello Utah? Che le migliaia di foto di cibo che circolano quotidianamente sui social network diminuiscono il piacere del cibo. Vero o no, questo è ciò che hanno riportato nel Journal of Consumer Psychology, che ha pubblicato la ricerca.

“In un certo senso ti stanchi del gusto senza nemmeno assaggiare il cibo. È una sorta di noia sensoriale che ti fa desiderare di non avere l’esperienza di mangiare quei piatti”, ha spiegato il professor Young Ryan Elder al portale di notizie americano News.

Lo studio ha reclutato 232 persone per guardare e valutare le immagini del cibo. La metà ha guardato 60 foto di preparazioni dolci, come torte, tartufi, cioccolatini e il restante ha guardato altre 60 istantanee di snack salati, tra le altre tentazioni. Quindi, è stato chiesto loro di valutare ogni immagine con il grado di appetito che ha causato loro.

Alla fine, durante la valutazione delle immagini i partecipanti hanno mangiato arachidi e gli è stato chiesto quanto in quell’istante le stessero apprezzando. Con sorpresa per tutti, coloro che avevano visto le immagini dei piatti salati le hanno apprezzate meno di quelli che sono stati esposti a fotografie di dolci.

“Crediamo che i soggetti abbiano saziato la loro esperienza sensoriale di salinità a differenza degli altri ed è per questo che non hanno apprezzato le noccioline”, ha detto il professore.

Per questo motivo, nell’università americana pensano che potrebbe essere una cattiva notizia per i devoti dei social network, perché il cibo passerebbe nella categoria del “porno”, poiché così tanto vedendoli fuori contesto e in eccesso, le persone smetterebbero di volerli consumare. Per tanto gli scienziati ritengono che le immagini dei cibi simi a quelli che stiamo per mangiare in certi casi possono saziarci prima. 

Se state pensando che vi basterà togliere l’amicizia sui social ai vostri amici prolifici di #foodporn per riuscire a dimagrire, frenate l’entusiasmo perché un altro studio invece ha riportato che le sole immagini dei piatti stimolano e aumentano la percezione del gusto, dell’odore e del sapore. Questa ipotesi è stata affermata grazie ad una ricerca che ha monitorato il livello di grelina, l’ormone responsabile del senso di fame. Immediatamente dopo aver visto le fotografie di cibo, si registrava un picco dell’ormone.

Questi studi sono contradditori e non portano a nessuna risposta certa. Per tanto, sta a noi, decidere in che misura le immagini di cibo influenzano il nostro organismo e cervello.

Nel 2013, la psichiatra Valerie Taylor ad una presentazione al Canadian Obesity Summit ha affermato che pubblicare immagini dei pasti sui social media è un segno di una relazione disordinata con il cibo. “Scattiamo foto di cose che sono importanti per noi”, ha detto in seguito all’Huffington Post, “e per alcune persone, il cibo stesso diventa centrale e il resto – il luogo, l’azienda, eccetera – è lo sfondo”.

foodporn

Cosa c’è dietro le immagini #foodporn ?

Richard Magee, professore di inglese alla Sacred Heart University che ha studiato scrittura alimentare, afferma “Quelle immagini e quei siti web ci attirano perché colpiscono qualcosa di veramente primordiale in noi”.

Quello che rende il food porn quello che è sono specialmente i filtri, l’hamburger sistemato in un determinato modo, i tuorli d’uovo tagliati per rovesciarsi al giusto angolo, sono versioni di piatti elaboratamente messi in scena. In un servizio fotografico professionale, il latte in una ciotola di cereali, ad esempio, potrebbe effettivamente essere colla; una pila di frittelle può essere sostenuta da strati nascosti di cartone. I segni della griglia sono meticolosamente disegnati. I semi di sesamo extra, ognuno accuratamente selezionato, sono incollati su panini. Ovunque l’immagine possa cadere lungo lo spettro della falsità, l’effetto desiderato è quello di creare qualcosa che sembra reale. 

curiosità correlate

Stay Connected

0FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime curiosità