30.8 C
New York
sabato, Giugno 22, 2024

Buy now

La carne coltivata in laboratorio è davvero il futuro?

Hamburger, diamanti e barriere coralline hanno tutti qualcosa in comune, vale a dire che possono essere creati in laboratorio. La carne coltivata in laboratorio è possibile grazie ai progressi della biotecnologia. Il primo hamburger venne creato nel 2013, due anni dopo, uno scienziato olandese creò la prima pepita di pollo coltivata in laboratorio. Proprio di recente, si è parla più che mai di carne coltivata e di altri prodotti animali. L’idea di una fonte di cibo senza crudeltà non sembra troppo lontana ora. In quale Paese questo tipo di carne è già sul mercato?

Carne coltivata in laboratorio

carne coltivata

Secondo Scientific American, il processo inizia con un’estrazione di cellule staminali dal muscolo animale che poi entra in un processo di moltiplicazione. Si ritiene che il processo sia così efficace che solo un singolo campione di un animale potrebbe essere utilizzato per produrre abbastanza carne per nutrire decine di migliaia di persone con una porzione di carne.

La coltivazione di carne in laboratorio può produrre carne più pulita con meno antibiotici. Inoltre, la carne coltivata potrebbe essere migliore per il pianeta, poiché richiede meno risorse naturali per essere prodotta.

Mentre l’idea di carne coltivata in laboratorio potrebbe non sembrare appetitosa per tutti, potrebbe essere un’opzione più pulita per il corpo e il pianeta. Un recente annuncio della Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti potrebbe aiutare a rendere la carne coltivata disponibile per i consumatori nel prossimo futuro.

Come si produce la carne in laboratorio

carne da laboratorioTutto inizia con la raccolta di tessuti da un animale vivente attraverso una biopsia. Le cellule vengono quindi messe in un bioreattore, surriscaldato, in una soluzione di crescita composta da sali, proteine e carboidrati. In questo modo, ogni 24 ore, la quantità di cellule raddoppia. La carne risultante non ha ossa, pelle e grasso. Questo perché le cellule che diventano tessuto muscolare hanno bisogno di altre condizioni di crescita rispetto a quelle che diventano tessuto adiposo o cutaneo, per esempio. La consistenza della carne coltivata in laboratorio è pastosa ed è per questo che è adatta per la trasformazione in hamburger, salsicce o pepite.

Recentemente, la FDA ha valutato UPSIDE Foods, che produce carne di pollo coltivata in laboratorio, e ha stabilito che “non ci sono altre domande” da parte della FDA per quanto riguarda i suoi processi. Ciò significa fondamentalmente che la FDA concorda con l’affermazione di UPSIDE Foods secondo cui il suo pollo coltivato in laboratorio è sicuro per il consumo.

Mentre la carne coltivata in laboratorio promette di creare un pianeta più pulito, alcuni ricercatori non sono così sicuri. Uno studio del 2019 pubblicato sulla rivista Frontiers in Sustainable Food Systems ha stimato l’impatto ambientale delle colture e dell’allevamento del bestiame.

I ricercatori hanno confrontato gli effetti del riscaldamento globale, gli effetti collaterali dell’allevamento di bestiame che rilascia metano, con quello dell’allevamento di carne coltivata che rilascia anidride carbonica. Gli scienziati hanno concluso che mentre l’allevamento del bestiame può inizialmente avere un impatto maggiore sul riscaldamento globale, a lungo termine, le emissioni di anidride carbonica dalla carne delle colture potrebbero eguagliare o addirittura superare le emissioni derivanti dall’allevamento del bestiame.

È già sul mercato

carne sintetica

La carne coltivata in laboratorio dell’azienda statunitense si San Francisco, Eat Just, che prima di avere il via libera ha dovuto sottoporre i suoi prodotti alle autorità regolatrici di Singapore e dimostrarne l’assoluta sicurezza. Questo segna il primo: Singapore diventa così il primo paese al mondo a vendere carne artificiale. L’azienda ha messo in commercio dallo scorso 19 dicembre i suoi prodotti i quali per il momento sono disponibili solamente in determinati ristoranti, ma che presto saranno accessibili anche ai rivenditori. 

Sorprendentemente o no, la carne prodotta in laboratorio non solo ha lo stesso aspetto del prodotto naturale, ma ha anche lo stesso sapore e odore. Allo stesso tempo, la carne “da laboratorio” può essere prodotta in modo sostenibile, il che rende superflua la discussione sul benessere degli animali. Finora il maggior ostacolo alla larga diffusione della carne coltivata è stato il prezzo, legato al costo elevatissimo dei fluidi ricchi di nutrienti usati per far moltiplicare le cellule animali.

 

curiosità correlate

Stay Connected

0FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime curiosità