23.4 C
New York
venerdì, Luglio 19, 2024

Buy now

Perché alcuni pianeti hanno gli anelli?

I pianeti sono circondati da anelli perché sono costituiti da particelle in orbita attorno ai corpi celesti. Queste particelle possono, a loro volta, consistere in una varietà di materiali come roccia, ghiaccio e polvere. Gli anelli si formano quando gli oggetti nello spazio, come comete, asteroidi o lune, si disintegrano e i loro detriti vengono attirati nel campo gravitazionale di quel pianeta. Le particelle iniziano quindi ad orbitare attorno al pianeta e formano un anello.

La dimensione e la forma degli anelli possono variare a seconda delle dimensioni e della composizione delle particelle, nonché a seconda dell’attrazione gravitazionale del pianeta. Alcuni pianeti, come Saturno, sono noti per i sistemi grandi e distinti che formano gli anelli, mentre altri, come Marte, hanno anelli più piccoli e meno osservabili.

Galileo Galilei, l’astronomo che scoprì gli anelli di Saturno

anelli pianetiPer molto tempo, Saturno è stato considerato l’unico pianeta del Sistema Solare con anelli. Gli anelli di Saturno furono scoperti circa 400 anni fa da Galileo Galilei. Usò un telescopio molto semplice, che aveva costruito lui stesso con lenti. Uno dei primi oggetti che vide fu Saturno. Inizialmente, pensava che Saturno avesse due grandi lune su entrambi i lati, poiché il suo telescopio non era molto buono e presentava immagini piuttosto sfocate.

Da allora, gli astronomi hanno usato telescopi più grandi e migliori per trovare gli anelli attorno ad altri giganti gassosi, come Giove, Saturno, Nettuno e Urano. Questi pianeti, a differenza di altri nel Sistema Solare, contengono molto gas. Sebbene gli astronomi non siano sicuri di come funzionino questi anelli e di come si siano formati, ci sono alcune teorie.

Diverse teorie sulla formazione degli anelli

La prima teoria sostiene che gli anelli si sono formati contemporaneamente al pianeta. Alcune delle particelle di gas e polvere di cui sono costituiti i pianeti erano troppo lontane dal centro del pianeta e non potevano essere schiacciate insieme dalla gravità. Sono stati lasciati indietro per formare il sistema anulare.

Saturno
Una immagine di Saturno fotografata da Cassini

Secondo la seconda teoria, gli anelli si sono formati quando due delle lune del pianeta, che si sono formate contemporaneamente al pianeta, sono state in qualche modo disturbate nelle loro orbite e alla fine si sono scontrate tra loro. Le cose che erano rimaste di questo enorme scontro non potevano riunirsi di nuovo per formare un nuovo satellite. Invece, si sono diffusi ai sistemi ad anello che vediamo oggi. Poiché non ci sono risposte definitive, gli astronomi continuano a esplorare e testare varie teorie.

Gli anelli attorno ai pianeti, distinti e simili allo stesso tempo

Ciò che gli astronomi sanno è che gli anelli attorno ai pianeti sono leggermente diversi l’uno dall’altro, ma allo stesso tempo condividono alcune caratteristiche, secondo SciTechDaily.

Prima di tutto, tutti gli anelli hanno una larghezza molto maggiore dello spessore. Ad esempio, gli anelli di Saturno misurano 282.000 chilometri di larghezza, che si estendono lontano dal pianeta, ma solo 200 metri di spessore. È come avere nel piatto, a colazione, un pancake largo 14 chilometri.

Un’altra cosa che i sistemi anulari condividono è che sono fatti di particelle di ghiaccio e pietra. Le particelle più piccole non sono più grandi delle vene di polvere, mentre le particelle più grandi hanno un diametro di 20 metri. Inoltre, tutti gli anelli intorno ai pianeti contengono spazi vuoti che a volte sono larghi molti chilometri, e all’inizio nessuno riusciva a capire perché. Più tardi, scoprirono che erano causati da piccoli satelliti che avevano inghiottito tutta la materia in quella parte del sistema anulare.

Cosa differenzia gli anelli di Saturno?

anelli del pianeta Satrno
Gli anelli di Saturno fotografati dalla Sonda Cassini nel 2004

La più grande differenza tra gli anelli di Saturno e gli altri giganti gassosi è che le particelle che compongono gli anelli di Saturno riflettono molto bene la luce solare verso la Terra. Ciò significa che appaiono molto luminosi ed è proprio per questo che possiamo vedere gli anelli sulla Terra usando anche i telescopi più semplici.

Il numero estremamente elevato di particelle intrappolate negli anelli di Saturno rende anche gli anelli molto più grandi e più larghi. E questo è un altro motivo per cui sono facili da individuare. Le particelle che formano gli anelli di Urano e Nettuno contengono elementi che sono stati oscurati dal Sole. Queste particelle scure sembrano molto simili a pezzi di carbone. Questo li rende molto più difficili da vedere in quanto non riflettono la maggior parte della luce solare verso di noi.

curiosità correlate

Stay Connected

0FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime curiosità