25.6 C
New York
domenica, Giugno 23, 2024

Buy now

Perché dicono che i serial killer si comportano come le api?

L’immagine dell’omicidio ha sempre evocato un misto di paura e di inquietante fascino nell’uomo. Ciò che più affascina di questo fenomeno, è probabilmente l’incontro con la personificazione del male e la vocazione dell’assassino in questo modo atroce. Questo forse giustifica il fatto che il mondo contemporaneo sta vivendo una crescita esponenziale dell’interesse manifestato dai media. Spesso si associa il comportamento dei serial killer a quello di alcune specie in particolare. Ma perché? Perché dicono che i serial killer si comportano come le api?

Perché commettono crimini vicino a casa, ma abbastanza lontano da impedire ai vicini di diffidare. Allo stesso modo, le api raccolgono il polline vicino all’alveare, ma abbastanza lontano da impedire ai predatori di trovarlo.

Gli scienziati hanno studiato il comportamento delle api e applicato i dati, in algoritmi di tracciamento dei serial killer. Le api si nutrono a una certa distanza dagli alveari. Allo stesso modo, secondo uno studio dell’Università di Londra, i serial killer evitano di uccidere vicino a casa.

Film “Api assassine” di Penelope Buitenhuis

Cosa dicono gli scienziati?

Un lavoro pubblicato sulla rivista “Journal Interface” della Royal Society, ha riferito che i “modelli geografici” studiati nelle api, possono migliorare i modelli a disposizione dei criminologi. Gli scienziati Nigel Raine, Steve Le Comber e Kim Rossmo hanno seguito i percorsi di alcune api, dai nidi alle aree fiorite.

Le api creano una “zona cuscinetto” intorno all’alveare, in cui evitano di raccogliere cibo, per ridurre il rischio che predatori e parassiti localizzino il nido. Questo comportamento è molto simile a quello dei criminali che seguono le loro prossime vittime. La dottoressa Raine spiega:

Molti omicidi avvengono vicino alla casa dell’assassino, ma non nelle immediate vicinanze, perché i criminali hanno paura di essere scoperti da qualcuno che conoscono“.

Per quanto riguarda le api, è importante sapere dove è più probabile che il cibo sia ricercato, poiché aiuta i biologi ad applicare misure di conservazione efficaci. Ma ora, questi dati possono essere applicati al comportamento umano. I criminologi usano questi modelli per capire meglio come rintracciare i criminali più pericolosi.

Confrontando la posizione dei fiori utilizzati dalle api, i ricercatori sono stati in grado di individuare il nido, confermando così, almeno per le api, la validità della tecnica del “profilo geografico”.

Profilo geografico e sociale

I biologi della conservazione sono consapevoli dell’importanza di proteggere le aree in cui gli animali vivono o trascorrono la maggior parte del loro tempo nutrendosi. La comprensione del profilo geografico degli animali, consente di prevedere i luoghi in cui sono presenti importanti risorse alimentari per una specie o una comunità, e di stabilire eventuali misure di conservazione per proteggerli.

Questo approccio è estremamente plastico e adattabile a molte specie animali, dagli insetti sociali (api, vespe, formiche…) ai vertebrati (uccelli, mammiferi, cetacei…). Questa interessante ricerca rappresenta un’importante scoperta nello scenario dell’ecologia animale.

Grazie per aver letto con noi “Perché dicono che i serial killer si comportano come le api?”

curiosità correlate

Stay Connected

0FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime curiosità