30.8 C
New York
sabato, Giugno 22, 2024

Buy now

Perché gli elefanti non si ammalano quasi mai di cancro?

Potrebbe una cura per il cancro nascondersi nel codice genetico dell’elefante? I grandi mammiferi hanno un’incidenza di cancro molto più bassa di quanto ci si aspetterebbe, date le loro dimensioni e la loro lunga durata di vita. È un fenomeno che è stato riportato dall’epidemiologo dell’Università di Oxford Richard Peto ed è stato chiamato paradosso di Peto: “gli animali più grandi hanno una minore incidenza di cancro, nonostante abbiano esponenzialmente più cellule con il potenziale di mutare”.

Il gene speciale che hanno gli elefanti

I ricercatori dell’Huntsman Cancer Institute dell’Università dello Utah e dell’Arizona State University, hanno trascorso diversi anni a studiare quali protezioni hanno gli elefanti contro lo sviluppo della malattia. Schiffman è un oncologo pediatrico, professore di pediatria presso l’Università dello Utah e ricercatore presso l’Huntsman Cancer Institute dell’università, lavora con pazienti che hanno tumori familiari, in particolare quelli con sindrome di Li-Fraumeni.

La maggior parte delle persone ha due copie di un gene con il codice p53, una proteina che Schiffman chiama il “guardiano del genoma”. Senza quel guardiano genomico che agisce per salvaguardarli giorno dopo giorno, ha detto Schiffman, le persone con sindrome di Li-Fraumeni hanno un rischio quasi del 100% di sviluppare il cancro nel corso della loro vita.

Il segreto degli elefanti risiede nella proteina “p53” che rende questi animali più resistenti ai tumori in quanto hanno 40 copie di questo gene: due normali, ha detto Schiffman, e 38 con qualche variazione che per millenni sono state inserite e sono rimaste nel DNA degli animali. Lui e il co-autore senior Carlo Maley, un biologo evoluzionista dell’Arizona State University, hanno sviluppato una teoria che presumeva che il p53 degli elefanti riparasse le cellule a un tasso più elevato rispetto agli esseri umani.elefante

Curiosità sugli elefanti:

  • Gli elefanti sono proboscidati che è un ordine di mammiferi placentati che attualmente ha solo una famiglia vivente chiamata “Elephantidae”. Questa singola famiglia ha tre specie: elefanti della savana africana, elefanti di foresta ed elefanti asiatici;
  • Quando nascono, gli elefanti pesano circa 120 kg e nonostante le loro grandi dimensioni si alzano in poche ore;
  • La gestazione dura 22 mesi! È la gravidanza più lunga tra gli animali terrestri;
  • Gli elefanti possono avere prole fino a quasi 50 anni. Le gravidanze gemellari sono molto rare e di solito distanziano la nascita della loro prole tra i 2 ei 4 anni;
  • Di solito vivono tra i cinquanta ei sessanta anni anche se sono noti esemplari che hanno superato gli anni ottanta;
  • Tra le curiosità sugli elefanti c’è quella che detiene il record di peso e altezza: nel 1956 in Angola fu cacciato un esemplare del peso di circa 11.000 kg e la sua altezza alla croce era di quasi 4 metri;
  • Il suono che un elefante emette ha un nome come molte delle voci degli animali. Si chiama “barrito” e può essere ascoltato a più di 9 km di distanza;
  • Un elefante ha la capacità di muoversi avanti e indietro, ma a causa del suo peso non può sollevare tutte e quattro le zampe da terra contemporaneamente, rendendo impossibile saltare o galoppare;
  •  Un’altra delle curiosità sugli elefanti degna di nota è la loro pelle. Nonostante sia molto spessa, la pelle degli elefanti è così sensibile che possono percepire quando una mosca si posa su di essa;
  • Poiché la loro pelle è molto sensibile, usano il fango come crema solare oltre a proteggersi dai morsi o conservare l’umidità;
  • Nonostante i divieti, i bracconieri continuano a uccidere gli elefanti per l’avorio delle loro zanne, che è molto apprezzato nel mercato cinese e per il quale vengono pagate ingenti somme di denaro.elefante

curiosità correlate

Stay Connected

0FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime curiosità