32.2 C
New York
sabato, Giugno 22, 2024

Buy now

Perché i pettegolezzi piacciono?

Anche se diciamo che non ci piace, la realtà è che siamo tutti caduti nel piacere peculiare dei pettegolezzi. Dalle chiacchiere sulle notizie delle ultime storie d’amore in famiglia, le promozioni e le notizie dell’ufficio o gli ultimi pettegolezzi delle celebrità, sembra che gli esseri umani abbiano una sorta di dipendenza dalle informazioni, che ci porta ad essere amanti (spesso non dichiarati o addirittura negati) di pettegolezzi. Ma al di là di quel gusto colpevole che associamo alle nostre nonne, la scienza ha studi e teorie che parlano del pettegolezzo dell’origine e si avventurano a dare spiegazioni sul perché ci piace così tanto.

L’origine ancestrale del gossip

Hai mai partecipato a qualche pettegolezzo d’ufficio o dopo una festa? Ti sei sorpreso conoscendo anche le intimità più insolite delle celebrità, i giochi dei loro figli, i nomi dei loro animali domestici o i prezzi delle loro case? Bene, non preoccuparti. Apparentemente, il pettegolezzo è una pratica sopravvissuta per millenni, profondamente radicata nei nostri costumi sociali e con una spiegazione scientifica.

Per migliaia di anni, l’interazione sociale è stata parte della nostra sopravvivenza come specie. E in questo senso, l’apparizione del linguaggio è venuto ad aggiungersi alle relazioni. Nella vita tribale, gli uomini e le donne dell’antichità dovevano trovare un modo per comunicare questioni fondamentali. Argomenti come le aree di caccia, la posizione dei frutti selvatici o anche se un potenziale compagno era libero. L’apparizione del linguaggio e gli scambi alimentavano i legami sociali.

Quindi le funzioni sono state ampliate e modificate. Attualmente ci sono studi che si riferiscono che il pettegolezzo ha un ruolo importante su scala sociale, soprattutto quando si tratta di trasmettere norme sociali e punire i membri del gruppo che non le rispettano. Ma se andiamo all’attuale esercizio di pettegolezzi divertenti, sembrano avere una spiegazione scientifica particolare e molto attuale.spettegolezzi

Cosa dice la scienza sul pettegolezzo?

Quando parliamo dei pettegolezzi tradizionali dell’ufficio, quei piccoli pettegolezzi sulle famiglie, sui vicini o persino sulla vita delle celebrità, di solito pensiamo a un’attività un po’ vuota. Ma la realtà è che tutti ci cadiamo dentro e questo ha una spiegazione su scala scientifica. I ricercatori delle università di Harvard e Temple hanno scoperto che l’archivio dei dati raccolti su ciascuna delle persone che incontriamo si trova nel lobo anteriore temporale del nostro cervello. Ciò implica che è questa parte del nostro corpo che si attiva quando ci viene chiesto di una persona.

Tutti i dati che abbiamo vengono quindi messi a disposizione della nostra memoria: il loro nome, aspetto, biografia, stato, tra gli altri. Ma la cosa interessante di questo è che il gossip funziona in modo molto stimolante in diversi modi.

Informazioni come ricompensa

Da un lato, l’informazione esercita un’attrazione nel nostro cervello, come se fosse una ricompensa. Diversi studi dicono che quando ci viene chiesto qualcosa che non sappiamo, si attiva la produzione di dopamina, il noto ormone della felicità. Ciò implica che reagiamo alle informazioni, non importa quanto importanti o irrilevanti, come se fossimo di fronte al nostro dessert preferito. Cioè, sapere chi è il nuovo fidanzato di tuo cugino, o quanto costa la nuova villa di JLo, potrebbe generare tanto piacere quanto quel dessert al tiramisù di cui vai in estasi.

L’informazione come vizio

spettegolareUn’altra teoria scientifica che mira a spiegare perché ci piacciono così tanto i pettegolezzi è il risultato di una ricerca sviluppata dall’Università della California. In essa, si conclude che l’informazione può rappresentare per il cervello umano una sorta di vizio, come il denaro o il cibo. Quindi, potremmo sviluppare una sorta di dipendenza dai pettegolezzi e tenerci ben consapevoli di tutto ciò che accade intorno a noi. Questo nell’era digitale diventa molto più facile e rapido. Dall’avere accesso ai profili del tuo ex ragazzo della scuola elementare, all’entrare nella privacy della casa delle celebrità.

Apparentemente, al di là del fatto che sei un amante riconosciuto del pettegolezzo o che ti rifiuti di cadere sotto il loro controllo, è un’attività umana, naturale e normale. Finché il pettegolezzo rimane un divertimento, senza intaccare la reputazione o il benessere degli altri, non fa male.

Chi spettegola di più, donne o uomini?

Contrariamente alle aspettative, gli scienziati hanno negato l’idea che le donne spettegolino più degli uomini. Secondo uno studio, un uomo divulga più rapidamente e facilmente segreti di quanto fanno le donne. Gli uomini tendono a condividere informazioni che dovrebbero essere segrete in breve tempo, solo 3 ore dopo aver sentito la notizia. Questo è dato dagli affari d’ufficio o dalle relazioni emotive in cui sono coinvolti. D’altra parte, le donne durano quasi 40 minuti in più nel raccontare segreti.gossip

curiosità correlate

Stay Connected

0FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime curiosità