24.4 C
New York
mercoledì, Giugno 12, 2024

Buy now

Perché i prodotti IKEA hanno nomi così strani?

IKEA è una delle più grandi catene di negozi di mobili e decorazioni al mondo. È stata fondata in Svezia, ma è di proprietà di una fondazione olandese controllata dalla famiglia svedese Kamprad. A differenza di altri negozi di mobili, tutti i prodotti IKEA, ingombranti o meno, hanno un nome che a prima vista può sembrare molto strano inoltre l’azienda è basata sulla vendita di mobili a prezzi bassi. Tuttavia, come vengono scelti questi nomi?

Nascita dell’azienda IKEA

Fondatore IKEA
Ingvar Kamprad, il fondatore dell’IKEA

Non molte persone sanno che il nome dell’azienda è in realtà un acronimo. “I” e “K”, le prime due lettere, derivano da Ingvar Kamprad, il nome del fondatore. Mentre “E” e “A” provengono da Elmtaryd, la fattoria in cui è cresciuto Kamprad, e da Agunnaryd, la sua città natale. Il nome del negozio è stato scelto per descrivere la storia di Kamprad, che da bambino vendeva fiammiferi.

La storia di Ikea inizia nel 1943 quando Kamprad ebbe ottimi risultati accademici così per premiarlo i suoi genitori le diedero una somma di denaro che il ragazzo utilizzò per avviare l’attività denominata Ikea. Così nel 1950 i mobili entrarono a fare parte dell’assortimento e un anno dopo venne realizzato il primo catalogo di circa 16 pagine. Nel 1958, Ingvar Kamprad aprì il suo primo negozio ad Älmhult, nel sud della Svezia, oggi sede del Museo IKEA

Ma come ha avuto successo l’azienda? Dopotutto, in questo campo la concorrenza è abbastanza alta, come abbiamo già detto, tutti i prodotti di arredamento sono venduti a prezzi bassi. Durante gli anni ’70 e ’80, l’azienda ha utilizzato il lavoro dei prigionieri del campo comunista, proprio per mantenere bassi questi prezzi.

Al giorno d’oggi, Ikea utilizza per i suoi prodotti circa l’1% della produzione mondiale annua di legno. Una statistica mostra che nel 2012 non meno di 690 milioni di persone hanno visitato i negozi Ikea in tutto il mondo. Oltre al successo nel settore dell’arredamento, Ikea ha anche successo nel settore alimentare. Dal 1960 Ikea ha venduto circa 150 milioni di polpette svedesi ogni anno.

Cosa significano gli strani nomi dei prodotti e come sono stati scelti?

Tutto parte come sempre dal fondatore di IkeaIngvar Kamprad, l’uomo soffriva di dislessia e faceva fatica a ricordare i codici dei prodotti ogni giorno. Per identificarli più facilmente, ai prodotti sono stati dati nomi semplicistici. Ad esempio, tutti i prodotti Ikea hanno nomi svedesi o scandinavi di luoghi e persone, che è molto più facile da ricordare rispetto ad alcune serie di caratteri alfanumerici. Di seguito vi presentiamo alcuni nomi dei prodotti:

  • divani, poltrone, sedie e tavoli da pranzo hanno ricevuto nomi di luoghi dalla Svezia, come: Malmo o Klippan;
  • i letti, i mobili da salotto e gli armadi prendono il nome da luoghi della Norvegia, come: Brimnes, Hemnes, Askeby;
  • tavoli da cucina e sedie da cucina hanno ricevuto nomi di luoghi dalla Finlandia;
  • ai tappeti sono stati dati nomi di luoghi dalla Danimarca;
  • a sedie e librerie hanno ricevuto il nome da persone maschili scandinave e professioni;
  • ai mobili da giardino furono dati nomi di donne scandinave;
  • gli oggetti di illuminazione prendevano il nome da musica, chimica, mesi, giorni o stagioni;
  • gli articoli da bagno prendono il nome da laghi e fiumi nelle baie scandinave;
  • lenzuola e cuscini prendono il nome da piante, fiori o pietre preziose;
  • gli utensili da cucina prendevano il nome dalle spezie;
  • Accessori per tende prendono il nome da balli;
  • Decorazioni da parete, cornici e immagini, orologi hanno ricevuto il nome da espressioni colloquiali svedesi, nomi di luoghi svedesi, aggettivi;
  • gli articoli per bambini prendono il nome da animali, uccelli, termini descrittivi e insetti.

 

curiosità correlate

Stay Connected

0FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime curiosità