32.2 C
New York
sabato, Giugno 22, 2024

Buy now

Perché le scarpe Louboutin hanno le suole rosse?

Ogni guardaroba merita un paio di scarpe Louboutin, quelle a cui le star sui red carpet non possono proprio rinunciare. Da quando il marchio di moda francese Christian Louboutin l’ha introdotta come parte della sua linea di calzature, l’iconica suola rossa della scarpa è diventata sinonimo dell’intera identità del marchio. Ma vi siete mai chiesti perché le Louboutin hanno la suola rossa?

Perché le suole sono rosse?

La suola rossa del tacco Louboutin è famosa in tutto il mondo come simbolo globale di lussuosa eleganza. Tuttavia, è apparso più per caso che per design pianificato. La suola rossa è nata un pomeriggio del 1993, quando un prototipo di scarpa ispirata al dipinto “Fiori” di Andy Warhol è atterrato nelle mani di Louboutin. Ma sembrava insipido!

Come lo stesso designer ha descritto al New Yorker :«Io -disse- ero molto felice, perché era simile al disegno originale, ma volevo qualcosa di più forte e non sapevo spiegare perché. Avevano una grande suola nera e, per fortuna, c’era una ragazza dello staff che si stava mettendo lo smalto rosso proprio in quel momento».

Louboutin prese lo smalto per unghie che stava utilizzando l’assistente e dipinse la suola delle scarpe, con l’obiettivo di identificare le sue calzature.

Nasce così la suola rossa, divenuta emblematica. Una scelta che cambierà per sempre la posizione della sua azienda nel mondo della calzatura. Il rosso simboleggia l’amore, la passione e il sangue, che dà potere alle donne e libera la loro fiducia interiore, permettendo loro di rompere i vincoli della società mentre indossano la “scarpa proibita”.

Il designer aggiunge: “Il colore rosso brillante delle suole non ha altra funzione che quella di identificare al pubblico che sono mie. Ho selezionato il colore perché è coinvolgente, civettuolo, memorabile e il colore della passione.”

Louboutin ha persino lanciato uno smalto per unghie in omaggio all’origine della suola rossa. Rouge Louboutin è la stessa tonalità della suola delle famose scarpe, e si presenta in una bottiglia con un cappuccio come un tacco a spillo.

Louboutin-suola-rossa

Come è nato il marchio delle scarpe Louboutin?

Christian Louboutin, nato il 7 gennaio 1963, è uno stilista per metà francese e per metà egiziano che ha iniziato la sua carriera come libero professionista per diverse case di moda prima di fondare il proprio marchio nel 1992. Nonostante il suo innegabile talento e fama, proviene da una famiglia molto lontana dal mondo dell’arte e della moda. Suo padre, Roger Louboutin, lavorava in una falegnameria e sua madre Irene è una casalinga. Cresciuto in una casetta alla periferia di Parigi, che condivideva con gli altri tre fratelli.

“ Mio padre era un ebanista e una volta mi disse di seguire le venature del legno piuttosto che imporci la mia volontà. Ho preso a cuore questo consiglio e ho scelto di perseguire in quanto tale tutte le opportunità che la vita mi offre. Durante i miei anni di carriera come stilista di scarpe, non ho mai avuto un piano ben definito e credo che ognuno di noi abbia il proprio destino, il proprio viaggio.

Il mio consiglio è di godersi l’avventura. Non esiste un modo semplice per raggiungere il tuo obiettivo. La mia esperienza di viaggiatore è iniziata in tenera età. Quando sei un bambino la tua immaginazione ti fa volare oltre te stesso, è qualcosa che nessuno può portarti via”. ,Christian Louboutin  per la CNN.

Un semplice viaggio al museo gli cambierebbe completamente il suo interesse per la moda. Nel 1976, il ragazzo ha visitato il “Museo nazionale delle Arti di Africa e dell’Oceania. Quando è entrato nella sala, ha notato un cartello che vietava alle persone che indossavano scarpe col tacco di entrare nella sala e l’immagine delle scarpe sul cartello è rimasta impressa nella sua memoria. Louboutin ha ammesso che da quel giorno ha iniziato a sviluppare una passione per le scarpe.

E in breve tempo quello che all’inizio sembrava essere solo un hobby, si trasformò in una passione completa. Per questo motivo i suoi studi furono messi in secondo piano e, a causa del suo scarso rendimento, fu espulso da quattro scuole. Ma questo non ha infastidito il giovane Christian che trascorreva tutto il suo tempo a teatro, dove ammirava le esibizioni dei ballerini, i quali indossavano scarpe lucide con i tacchi alti. 

A metà degli anni ’70, Louboutin trovò un libro biografico sullo stilista di scarpe di lusso francese Roger Vivier, che, come lui, era nato a Parigi. Più tardi, Christian confessò che quello fu il momento in cui sentì con tutto se stesso che questa sarebbe stata la sua occupazione principale per il resto della sua vita.

A soli 16 anni, uno dei suoi primi lavori è stato cucire paillettes sui costumi al famoso cabaret “Folies Bergère” ma non ha rinunciato al suo sogno e ha continuato a disegnare scarpe per vari artisti.

Nel 1979 Christian Louboutin fece un viaggio in Egitto e in India, durato un anno e mezzo, ma che riuscì a cambiare la sua vita e la sua visione del mondo. Ritornato nella sua città natale nel 1981, si recò subito nelle case di moda parigine, sperando di trovare un luogo adatto per esprimere la sua immaginazione. Ha mostrato i suoi migliori modelli di scarpe ovunque, fino a quando non è stato scoperto dal famoso stilista e couturier Charles Jourdan, di cui è stato apprendista per due anni. Qui si specializza in scarpe e accessori, venendo accettato come stilista indipendente nelle case di moda “Dolce & Gabana”.

In quel periodo Louboutin capisce di voler lavorare per conto proprio e nel 1990, con l’aiuto di qualche amico apre la sua prima boutique a Parigi. Presenta la sua prima collezione (Love, Trash, etc.) e comincia a farsi notare dall’industria della moda italiana. La prima line di scarpe con la suola rossa esce solamente nel 1992 che poi diventerà segno distintivo di tutte le sue collezioni. Ad oggi le sue vendite equivalgono a oltre un milione di scarpe all’anno in circa 150 grandi magazzini e boutique monomarca in più di 35 paesi nel mondo.

scarpe-Louboutin
Christian Louboutin
Articolo precedente
Articolo successivo

curiosità correlate

Stay Connected

0FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime curiosità