23.4 C
New York
venerdì, Luglio 19, 2024

Buy now

Perché si dice che le bionde siano stupide?

Chi non ha sentito almeno una volta nella vita una barzelletta sulle donne bionde? È chiaro che non c’è modo che il livello di QI di una persona abbia qualcosa a che fare con il colore dei suoi capelli. Quindi da dove viene il mito / leggenda che le bionde siano stupide?

Origine del mito sulle bionde

ritratto di Rosalie Duthé
Rosalie Duthé

Si scopre che la prima bionda nota per la sua straripante stupidità era una francese di nome Rosalie Duthé. Nacque nel 1748 vicino a Versailles e morì nel 1830 a Parigi. La vita di Rosalie Duthé fu estremamente tumultuosa in quanto era l’amante dei nobili e dei re di quel periodo. Nonostante Rosalie fosse considerata la prima bionda stupida, attirò l’attenzione di alcuni degli uomini più illustri in Europa e in Francia, tra cui monarchi e futuri monarchi. La francese conquistò a turno il duca di Durfort, il duca di Artois o Carlo X. Inoltre, ebbe anche una relazione con il futuro re Luigi Filippo I di Francia quando il giovane aveva solo 15 anni. Mantenendo le proporzioni, Rosalie Duthe era una Marilyn Monroe dell’epoca.

Tuttavia, per quanto fosse desiderabile. La bionda Rosalie Duthe faceva grandi pause tra le parole perché aveva un vocabolario estremamente limitato, motivo per cui era la base delle battute di tutti. Una ragione sufficiente per essere data per scontata da tutti nell’alta società. Anche, nella stampa dell’epoca, Rosalie Duthe era descritta come segue: “Compie tutte le azioni di una creatura vivente, mangia, beve, balla e canta come se fosse dotata di una mente”. Queste parole divertirono molto i nobili che vedevano Rosalia solo come un “pezzo di carne”. In conclusione, è stata Rosalie Duthe, sebbene non fosse naturalmente bionda, a spianare la strada al mito che le bionde sono limitate nel pensiero.

Un pregiudizio antichissimo associa le donne dai capelli chiari ad un quoziente d’intelligenza minore. Nel XX secolo la prima icona della donna bionda e stupida che ha alimentato questo mito è il personaggio di Lorelei Lee, interpretato da Marilyn Monroe, nel film, “Gli uomini preferiscono le bionde”, narra la storia di una dama di compagnia per uomini ricchi, nonché ballerina. Questa bionda ossigenata stupida e superficiale ha contribuito al popolarissimo mito che ritrae le donne bionde più libere e attraenti rispetto alle more.

Lo conferma anche la Scienza: le bionde non sono stupide

“Le bionde non sono stupide” a rivelarlo è un fondamentale studio condotto su un campione di 10.878 giovani donne in America e pubblicato sulle pagine di Economic Bulletin a firma Jay Zagorsky, del Center for Human Resource Research alla Ohio State University.

La ricerca mostra che, in media, le bionde hanno un QI di 3 punti superiore rispetto alle donne che hanno i capelli di un colore diverso. Tuttavia, secondo Jay Zagorsky, la differenza è troppo piccola per avere un valore statistico. Per dirla semplicemente, non esiste alcuna correlazione tra il colore dei capelli nelle donne e la loro intelligenza, che è stata dimostrata da altre ricerche fatte in passato.

“Non si può dire con certezza che le bionde siano più intelligenti, ma si può certamente dire che non sono peggiori”, ha detto Zagorsky.

Anche nel caso degli uomini, non ci sono differenze di intelligenza a seconda della perdita di capelli, secondo il ricercatore. Lo studio si basa su dati raccolti dal 1979 dal Bureau of Labor Statistics degli Stati Uniti da donne di età compresa tra 14 e 21 anni. Secondo questi dati, le donne bionde hanno un QI medio di 103,2 punti. In confronto, le donne con i capelli castani hanno un QI di 102,7, le donne rossastre di 101,2 punti e le more di 100,5.

curiosità correlate

Stay Connected

0FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime curiosità