20.9 C
New York
venerdì, Luglio 19, 2024

Buy now

Come si formano le oasi nel deserto?

Durante un viaggio attraverso il deserto, attraverso l’oceano di sabbia e sotto un sole cocente, un’oasi tra le dune è una delle cose migliori che ti possano capitare. L’oasi appare proprio come un miraggio nel bel mezzo del deserto per la sua lussureggiante vegetazione.  Tutti noi sappiamo cos’è un’oasi: un’area circondata dalle dune dove grazie alla presenza d’acqua cresce la vegetazione. Quello che però in molti non sanno è come si forma l’oasi?

Come si formano le oasi nel deserto?

L’oasi è una forma di paesaggio rara, una rarità che caratterizza i deserti non polari (l’Antartide è il deserto più grande, ma non ha oasi). In termini di dimensioni, possono variare da una piccola laguna con poche palme a un’enorme distesa d’acqua con un’abbondante vegetazione lungo la riva, un paradiso per la fauna selvatica e persino insediamenti umani e campi coltivati.

Ma qual è il segreto, visto che pioggia, neve e altre precipitazioni sono rare nei deserti? In effetti, questo è il dettaglio principale con cui vengono definiti i deserti. Nelle rare occasioni in cui piove, l’acqua filtra rapidamente attraverso la sabbia e le rocce e si perde nel sottosuolo. La poca acqua trattenuta in superficie evapora rapidamente a causa del calore del terreno. Tuttavia, anche se le precipitazioni sono scarse, qualsiasi deserto ha dei limiti e oltre questi limiti ci sono aree con altre tendenze climatiche, dove può piovere o nevicare. Dove possono formarsi fiumi di enormi proporzioni.

Il Nilo, ad esempio, è uno dei fiumi più grandi del mondo e confina con il deserto del Sahara, il secondo deserto più grande del mondo dopo l’Antartide e il più grande dei deserti caldi. Questi specchi d’acqua non esistono solo in superficie. Attraverso il sottosuolo possono estendersi per miglia, filtrando attraverso strati rocciosi, anche sotto tonnellate e tonnellate di sabbia del deserto. Questo strato di sottosuolo completamente allagato rappresenta la falda freatica.

oasi

Quando le dune si muovono

Le dune del deserto sono strutture geomorfologiche mobili. Senza piante che trattengano il terreno con le loro radici, la sabbia viene mossa dal vento, formando nuove dune e facendo scomparire quelle vecchie in brevi periodi di tempo.

Ad un certo punto, può formarsi una dolina abbastanza profonda da esporre la falda freatica al mondo esterno. Viene quindi prodotta una sorgente, dalla quale inizia a sgorgare l’acqua. E lì, alimentata da acque sotterranee, si formerà una laguna.

Quando ciò accade, i semi delle piante portati dal vento o dagli animali e mescolati con la sabbia possono germogliare e prosperare. Le piante secche e dormienti, portate anche dal vento, rotoleranno lungo il pendio e, a contatto con l’acqua, si reidrateranno e diventeranno verdi.

Se le piante riescono a mettere radici e stabilirsi, prima che la laguna si asciughi o si ricopra di nuovo di sabbia, inizieranno a formare terreno e lo fisseranno con le loro radici, favorendo la conservazione della nuova oasi. In molti casi, la natura stessa della sabbia, ricca di esoscheletri fossili di diatomee, funge da fertilizzante, fornendo un ottimo supporto all’oasi.

Come vengono mantenute le oasi

La maggior parte delle oasi che si formano sono piccole lagune che durano poco, quel tanto che basta perché le piante completino il loro ciclo vitale e disperdano i loro semi al vento, prima di seccarsi per evaporazione o essere sepolte sotto tonnellate di sabbia.

Tuttavia, quando un’oasi ha una vegetazione sufficiente, tempera l’ambiente attraverso l’evapotraspirazione, favorendo temperature più adatte. Poiché la superficie dell’oasi è più fresca del deserto circostante, genera correnti d’aria che scendono sull’oasi e salgono al di fuori di essa.

Questo fenomeno riduce la presenza di aria calda e secca intorno all’oasi, aiutando al contempo ad espandere l’oasi spostando le dune circostanti, e allo stesso tempo aumentando la stabilità atmosferica sopra l’oasi, riducendo la perdita d’acqua.

Più grande è l’oasi, maggiore è questo effetto. Se la falda freatica è ben sostenuta e l’acqua è sufficientemente abbondante, si possono formare grandi laghi che vengono mantenuti in equilibrio. Queste oasi possono durare anni, secoli o addirittura millenni, e in alcuni casi hanno un nome proprio: oasi di El Kharga in Egitto, Huacachina in Perù, Dunhuang in Cina, Tamerza in Tunisia o Ubari in Libia.

oasi
Oasi Ubari in Libia

curiosità correlate

Stay Connected

0FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime curiosità