24.4 C
New York
giovedì, Giugno 13, 2024

Buy now

Perché tiriamo fuori la lingua quando siamo concentrati?

La lingua fuori è spesso prova di suprema concentrazione, soprattutto nel caso di un bambino che sta imparando a scrivere. Anche gli adulti non sono da meno quando si focalizzano su qualcosa. Scopriamo insieme perché alcune persone tirano fuori la lingua nei momenti di massima concentrazione?

Tirare fuori la lingua quando ci si concentra

Michael JordanGli ultimi ritocchi per completare e perfezionare un’opera come un disegno, la riparazione di un oggetto rotto, la costruzione di un modello, la decorazione di una torta sofisticata; sono tutte situazioni in cui siamo perfettamente concentrati su ciò che stiamo facendo, ed è proprio in quei momenti che tiriamo fuori la nostra lingua e la teniamo un po’ stretta tra i denti, come se potesse aiutarci e guidarci in qualche modo nell’attività che stiamo svolgendo. Anche tanti sportivi come l’ex campione dell’NBA, Michael Jordan sono famosi per le loro “linguacce”. Questo è un gesto involontario nella maggior parte dei casi, molto probabilmente legato all’origine del linguaggio, in cui l’aspetto della parola era preceduto da una fase gestuale.

A volte tiriamo fuori il linguaggio quando pensiamo attentamente, essendo un prodotto di ciò che facciamo, come ha affermato Gillian Forrester, professore di cognizione comparata e vice preside della Birkbeck School of Science, Università di Londra.

Pertanto, i ricercatori hanno scoperto che le persone sporgono la lingua quando fanno qualcosa di delicato che richiede un’attivazione motoria fine delle mani. Le neuroimmagini rivelano che la regione del cervello dedicata al linguaggio si sovrappone molto alle reti neurali dedicate alla destrezza e all’uso di strumenti, i neuroni che si attivano nella regione della destrezza sono così attivati che traboccano nel tessuto neurale vicino, che capita di dirigere la bocca, secondo uno studio del 2019 pubblicato su Frontiers in Psychology. Quindi quando si è profondamente concentrati su un compito motorio fine, l’effetto “si riversa” nella regione linguistica, coinvolgendo la bocca e la lingua.

Questa idea è probabilmente parte di ciò che sta succedendo, ha detto Forrester. Le mani e la lingua sono “gli unici articolatori sottili del nostro corpo e sono controllati da parti sovrapposte del nostro cervello” nell’emisfero sinistro, ha detto Forrester. Gli autori concludono che ciò significa che l’uso di strumenti e linguaggio hanno in comune un processo cognitivo.

La bocca è strettamente correlata alle azioni delle mani

linguaIn uno studio del 2015 pubblicato sulla rivista Cognition, Gillian S. Forrester e Alina Rodriguez, Dipartimento di Psicologia presso la School of Science and Technology dell’Università di Westminster e il Dipartimento di Epidemiologia e Biostatistica dell’Imperial College di Londra, entrambi sono gli autori dell’articolo “Slip of the tongue: Implications for evolution and language development“, suggeriscono che le nostre bocche sono strettamente legate alle mani perché le mani sono state le prime ad essere coinvolte nel linguaggio. Forrester studia anche le scimmie, i parenti viventi più stretti degli esseri umani.

Le scimmie usano principalmente i gesti per comunicare, ed è possibile che le prime persone comunichino prima con le mani fino a quando non hanno iniziato a usare strumenti più complessi. Le mani si occuparono, facendo diventare la nostra bocca e la nostra lingua il mezzo di comunicazione dominante, secondo la loro ipotesi.

Hanno notato per la prima volta sporgenze coerenti della lingua mentre guardavano i bambini piccoli fare test di capacità motorie in uno studio svedese che ha esaminato il bambino non destrorso. Poi Forrester ha analizzato un altro piccolo studio italiano, pubblicato sul “Journal of Neurophysiology” nel 2001, in cui alle persone veniva chiesto di raccogliere oggetti di diverse dimensioni. I ricercatori di quello studio hanno scoperto che la bocca spesso imitava la mano. Quando le persone sollevavano oggetti più grandi, tendevano ad aprire le mani e la bocca, e quando sollevavano oggetti più piccoli, le loro bocche tendevano ad avere forme più piccole, abbinando di nuovo la loro presa.

lingua fuoriCoinvolgere la bocca è più evidente nei bambini, ma gli adulti hanno probabilmente imparato a sopprimerlo, ha detto Forrester. Dopotutto, non è esattamente professionale tirare fuori la lingua ogni volta che devi pensare profondamente. Le azioni motorie grossolane causavano molte più sporgenze della lingua, e durante le azioni motorie fini, i bambini avevano molte più probabilità di sporgere la lingua e tenerla sul lato destro della bocca.

Il gruppo ha ipotizzato che ciò sia dovuto al fatto che i carichi di precisione venivano spesso eseguiti con la mano destra dominante, che è controllata dall’emisfero sinistro. È possibile che queste sequenze vengano elaborate allo stesso modo e che il discorso della regione lo sia, quindi la bocca potrebbe essere coinvolta, imitando le forme e i movimenti della mano, hanno suggerito i ricercatori.

curiosità correlate

Stay Connected

0FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime curiosità