24.4 C
New York
giovedì, Giugno 13, 2024

Buy now

Quali sono i francobolli più rari e costosi al mondo?

I francobolli sono nati dalla necessità di semplificare i pagamenti postali, ma molte persone li buttarono via senza tenere conto del valore che avrebbero guadagnato nel corso degli anni. I francobolli infatti sono pezzi di storia. Collezionare francobolli è un hobby antico quanto i francobolli stessi, e la storia ha dimostrato nel tempo che gli appassionati di filatelia pagherebbero milioni per avere i pezzi più rari e unici possibile. 

Quando e dove sono apparsi i primi francobolli?

I francobolli sono quei pezzi di carta molto piccoli che commemorano eventi storici e raffigurano volti di figure di spicco della storia che sono stati utilizzati per pagare le lettere in anticipo. Nel 1653, un certo Jean-Jacques Redenouard de Villayer creò i “billet de port payé” delle striscie di carta simile ai francobolli che, venivano attaccati alla lettera con un fermaglio o di un filo. Tutti gli esemplari di questi billets andarono perduti.

Contemporaneamente, nel Regno Unito, i francobolli non erano ancora apparsi e le buste non venivano utilizzate perché si riteneva che avessero aumentato la tariffa per l’invio di una lettera. I mittenti piegavano a metà le lettere e i destinatari assumevano il valore della consegna.

La storia dei francobolli iniziò nel 1837, quando il generale inglese Sir Rowland Hill impose la “Riforma postale”. Tre anni dopo, le autorità britanniche avrebbero emesso il primo francobollo al mondo, che intitolarono Penny Black. Era un pezzo di carta nera non perforata, al prezzo di 1 penny, che rappresentava il volto della regina Vittoria.

I francobolli più preziosi al mondo

I francobolli più preziosi del mondo possono essere disponibili in molte forme, colori e dimensioni diverse, e ognuno di essi ha storie molto interessanti da raccontare. Di seguito vi presentiamo alcuni dei francobolli più rari e preziosi:

“British Guyana 1 cent Black on Magenta”, Guyana – 9,5 milioni di dollari

francobolloIl francobollo da 1 centesimo, emesso nell’ex colonia britannica della Guyana, fu varato nel 1856 a causa della mancanza di francobolli causata dal ritardo di una nave che doveva arrivare da Londra. Per rimediare a questa mancanza, il direttore postale locale chiese ai tipografi di giornali locali di stampare alcuni francobolli temporanei.

Le stampanti crearono 3 tipi: un francobollo da 4 centesimi in blu e due, uno da 1 cent e uno da 4 centesimi, entrambi in magenta. Il capo dell’ufficio postale decise che i francobolli dovevano essere siglati da un dipendente dell’ufficio postale per garantirne l’autenticità e prevenire la falsificazione. Così, i francobolli vennero tagliati agli angoli in modo da ricordare un ottagono.

Sorprendentemente, il francobollo da 1 centesimo stampato in nero su magenta è diventato uno dei più preziosi al mondo, essendo l’unico che esiste ancora oggi. Nel 2014 è stato messo in vendita dalla Casa d’Aste “Sothebys” per la somma di 9,5 milioni di dollari, stabilendo così un nuovo record mondiale.

“Benjamin Franklin Z-Grill”, USA – 8,8 milioni di dollari

Benjamin Franklin Z-GrillNel febbraio 1868, il servizio postale degli Stati Uniti emise un francobollo da 1 centesimo, raffigurante Benjamin Franklin. Questi francobolli erano comuni all’epoca, ma ciò che li distingueva l’uno dall’altro è il modello “Z-Grill” sul fronte del francobollo, piccole tacche in rilievo in carta. Questo disegno permetteva all’inchiostro di essere facilmente assorbito nella carta, impedendo così alle persone di riutilizzare i francobolli lavando questi segni distintivi. Gli “Z-Grill” furono rimossi dopo il 1870. Esistono solo due francobolli “Z-Grill”: il primo fa parte della Benjamin Miller Collection di proprietà della New York Public Library, e il secondo è al National Post Museum.

Mauritius – 4 milioni di dollari

MauritiusAbbiamo a che fare con un francobollo sbagliato, emesso nel 1847 a Mauritius, in 500 copie, molte delle quali sono state utilizzate dalla moglie del governatore Gomm, che aveva invitato i suoi amici a un ballo di fine anno. Al fine di facilitare l’invio degli inviti, l’ufficio postale emise una serie di francobolli seguendo il modello britannico, ma sulla lamina di rame fu inciso l’ufficio postale (n.n. – ufficio postale) invece di Post Paid (n.n. – posta pagata), un grosso errore che fermò l’emissione. Quando l’errore è stato notato, 240 copie erano già state inviate e una di queste fu venduta nel 2011 per $ 1,67 milioni.

“Treskilling Yellow”, Svezia – 3,14 milioni di dollari

Treskilling YellowSi tratta di un errore di battitura. Nel 1855, la Svezia emise i primi francobolli recanti lo stemma svedese, che furono riprodotti in 5 diversi valori e colori: 3 scellini (blu-verde), 4 scellini (blu), 6 scellini (grigio), 8 scellini (giallo) e 24 scellini (rosso). Non si sa cosa sia andato storto, ma il fatto è che invece del colore blu-verde, il francobollo di 3 scellini è stato stampato sul colore giallo.

L’errore passò inosservato fino al 1886, quando uno studente, Georg Wilhelm Backman, scoprì il francobollo mentre cercava tra i vecchi libri nella soffitta della casa di sua nonna. Il francobollo divenne famoso nel 1984 quando fu venduto per $ 1,07 milioni di dollari, e nel 1996 è stato nuovamente venduto per $ 3,14 milioni.

“Inverted Jenny”, USA – 2,7 milioni di dollari

Inverted JennyAnche in questo caso si tratta di un errore di battitura del francobollo emesso nel 1918, che raffigura uno dei biplani Jenny utilizzati per la prima volta dall’ufficio postale degli Stati Uniti per trasportare la posta. L’aereo sul francobollo è stato stampato da un errore capovolto. Per celebrare il 95 ° anniversario di questo errore, l’ufficio postale degli Stati Uniti ha rilasciato diversi milioni di fogli di francobolli Inverted Jenny nel 2014. Tra questi c’erano 100 francobolli stampati correttamente, un omaggio all’originale. Una serie di 4 francobolli è stata venduta nel 2005 per 2,7 milioni di dollari.

 

curiosità correlate

Stay Connected

0FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime curiosità