24.4 C
New York
mercoledì, Giugno 12, 2024

Buy now

Quante opere d’arte ci sono al Museo del Louvre?

Parigi è la città più visitata al mondo. La storia della Francia fa sì che questa città riceva più di 38 milioni di turisti all’anno. Oltre alla Torre Eiffel, all’Arco di Trionfo o al famoso viale degli Champs-Élysées, i turisti sono ansiosi di raggiungere il Museo del Louvre. Gran parte della cultura europea è raccolta qui, ma vengono raccolte anche opere d’arte che mostrano il potere coloniale che la Francia ha detenuto nel corso della storia. Quante opere d’arte ci sono al Museo del Louvre?

Opere d’arte nel Museo del Louvre

Istituito nell’estate del 1793, il Louvre è diventato rapidamente la sede della cultura e della storia francese. Qui sono state portate e conservate le creazioni più importanti , dalla prima dinastia dei condottieri ai giorni nostri. Attualmente il museo è riconosciuto anche dal Libro dei Registri: il museo più grande per dimensioni, ma anche il museo con il maggior numero di opere d’arte. La superficie totale coperta dal complesso del Louvre supera i 370mila metri quadrati.

Il museo ha un totale di oltre 380.000 oggetti e opere d’arte nella sua collezione, di cui solo 35.000 sono in esposizione permanente.

Se un turista decidesse di ammirare ogni opera d’arte per soli 30 secondi, ci vorrebbero circa 200 giorni per vedere tutte le 35.000 mostre.

Quali sono le opere più monumentali del Louvre?

Con un totale di diversi milioni di visitatori all’anno, il Louvre è il museo più visitato del mondo. Il flusso di turisti è così travolgente che le file per l’ingresso possono coprire l’intero cortile del complesso. Negli ultimi anni il museo è riuscito a mettere a disposizione le modalità di acquisto dei biglietti online.

Considerando che vederlo tutto è un’impresa praticamente impossibile, ogni giorno decine di migliaia di visitatori percorrono le navate laterali del museo per arrivare a vedere la Gioconda, anche se ci sono altre opere d’arte, ugualmente importanti per la storia dell’evoluzione umana:

  • La zattera della Medusa: Realizzato nel 1818-1819, da Théodore Géricault, il dipinto a olio su tela presenta dettagli che sembrano distaccati dalla realtà ed è uno dei dipinti più importanti del Romanticismo francese. Questo raffigura i sopravvissuti al naufragio della fregata francese La Méduse, avvenuto il 2 luglio 1816 vicino alle coste dell’Africa nord occidentale, che chiedono aiuto a una nave vista in lontananza;
zattera-della-medusa
La zattera della Medusa
  • Vergine delle Rocce: Oltre alla Gioconda, il Louvre custodisce un altro celebre capolavoro di Leonardo da Vinci, la Vergine delle Rocce, un dipinto a olio su tela del 1483-1486. É uno dei più bei dipinti a tema religioso del genio rinascimentale. L’opera celebra il mistero dell’Incarnazione attraverso le figure di Maria, Gesù Cristo e San Giovanni Battista;
vergine-delle-rocce-Leonardo-da-Vicni
Vergine delle rocce
  • Amore e Psiche: Nel Louvre è conservata una delle statue più belle e popolari di tutta la storia dell’arte, il gruppo scultoreo di  Amore e Psiche. Realizzata tra il 1787 e il 1793 dallo scultore Antonio Canova, l’opera raffigura il mito tratto dalle Metamorfosi di Apuleio, nel quale Amore ridona la vita alla sua amata, rianimandola con un bacio;
amore-e-psiche-scultura
Amore e Psiche
  • La Libertà che guida il popolo: Uno dei quadri più celebri del pittore francese Eugène Delacroix. Il dipinto, vuole celebrare la giornata del 28 luglio 1830, quando il popolo insorse nelle strade della città e detronizzò il re borbonico Carlo X. In essa è raffigurata una gran folla di rivoltosi guidata da una giovane donna a petto nudo che sventola con la mano destra il tricolore francese: la bellissima Marianne, simbolo della Repubblica francese;
liberetà-che-guida-il-popolo-louvre
La Libertà che guida il popolo
  • Venere di Milo: La seconda opera d’arte più fotografata al Louvre. Si tratta di una scultura di marmo pario alta 202 cm priva delle braccia. La sua bellezza è stata nascosta per molti secoli, fino al 1820 quando fu scoperta nell’isola di Melos. Fu donato al re Luigi XIII e in seguito finì nella collezione d’arte del museo.
Venus-de-Milo
Venere di Milo

 

curiosità correlate

Stay Connected

0FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime curiosità