30.8 C
New York
sabato, Giugno 22, 2024

Buy now

Come producono il miele le api?

Il miele è un prodotto di origine animale che l’uomo utilizza fin dall’antichità nelle caverne. Precedentemente, il miele avanzato veniva raccolto dagli alveari selvatici. Attualmente, l’ape ha subito un certo grado di addomesticamento e il suo miele e altri prodotti derivati possono essere ottenuti attraverso l’apicoltura. Il miele non è solo un alimento potente ed energetico, ma ha anche proprietà medicinali.

Produzione del miele

api Tutto parte dai fiori, da loro, le api possono ottenere due sostanze, il nettare, dalla parte femminile del fiore e il polline, dalla parte maschile. Le api usano il nettare per fare il miele. Quando raggiungono un fiore ricco di nettare, lo succhiano con la loro proboscide, che è un organo orale a forma di tubo. Oltre al nettare, le api per fare il miele utilizzano anche la melata, una sostanza proveniente dagli insetti succhiatori di linfa come per esempio le coccinelle. Il nettare viene trattenuto in sacche speciali collegate allo stomaco, qui si mescola con enzimi che convertono la sua composizione chimica e il pH, rendendolo più adatto per la conservazione a lungo termine, inoltre se l’ape ha bisogno di energia per continuare a volare, può prenderla dal nettare accumulato.

Quando un’ape ritorna all’alveare, trasmette il nettare a un’altra ape rigurgitando il liquido nella bocca dell’altra ape. Questo processo di rigurgito viene ripetuto fino a quando il nettare parzialmente digerito viene finalmente depositato in un nido d’api.

Una volta nel nido d’ape, il nettare è ancora un liquido che non assomiglia affatto al miele denso che usiamo per colazione. Per rimuovere tutta l’acqua in eccesso dal miele, le api ventilano il favo con le ali, nel tentativo di accelerare il processo di evaporazione. Quando la maggior parte dell’acqua è evaporata dal nido d’ape, l’ape sigilla il favo con una secrezione di liquido dall’addome, che alla fine si indurisce e forma la cera d’api. Lontano dall’aria e dall’acqua, il miele può essere conservato indefinitamente, dando alle api la fonte di cibo perfetta per i freddi mesi invernali.api

Perché ci sono diversi tipi di miele?

Ogni specie di pianta da fiore produce nettare e polline di diversa consistenza, odore e colore. Il colore, il gusto, l’aroma e la consistenza del miele variano notevolmente a seconda del tipo di fiore frequentata da un’ape. Il miele di trifoglio, ad esempio, differisce notevolmente dal miele raccolto dalle api che frequentano un campo di lavanda.

Quanti tipi di miele esistono?

  • miele Miele di acacia. Ha un sapore molto buono, è conservato in forma liquida, se conservato in condizioni adeguate, ed è ricco di fruttosio e oligoelementi come cromo, rame, iodio, ferro, zinco, fluoro. Secondo gli specialisti della salute, è consigliabile prendere un cucchiaino di miele di acacia di tanto in tanto quando si hanno problemi gastrointestinali o di digestione.
  • Miele di tiglio. Ha  la particolare caratteristica di essere piuttosto profumato, con un sapore intenso. Il miele di tiglio ha la particolarità di adattarsi soprattutto a quei soggetti che hanno disturbi di insonnia avendo un effetto mentalmente calmante.
  • Miele di girasole. Questo tipo di miele ha un sapore gradevole, stimola l’immunità del corpo, bandisce la fatica e riduce il livello di colesterolo cattivo nel corpo.
  • Miele di abete. Questo tipo di miele è molto raro, ma ha una serie di proprietà benefiche sui polmoni e sul sistema respiratorio.
  • Miele di castagno. È inconfondibile nel gusto ed è raccomandato nei casi in cui una persona soffre di vene varicose e reumatismi. Può anche alleviare i sintomi dell’influenza e dell’anemia.
  • Miele di lampone. Ha un colore ambrato variabile con riflessi rossastri; inoltre è un miele che cristallizza molto velocemente senza che il suo gusto subisca variazioni di rilievo, inoltre è ottimo per la prevenzione di alcune malattie come l‘osteoporosi o la sclerodermia (una malattia autoimmune in cui il sistema immunitario attacca il proprio corpo).
  • Miele di menta. Il suo consumo è ottimo quando si hanno problemi di gonfiore e tosse.
  • mieleMiele di fiori di campo. Ha un’alta concentrazione di zucchero. Allo stesso tempo, è riconosciuto per la sua azione antinfiammatoria, antimicrobica, antiallergica e antitosse.
  • Miele di lavanda. L’odore di questo tipo di miele è inconfondibile. Tra le sue qualità possiamo menzionare l’effetto tonico e diuretico, oltre ad alleviare i sintomi dei reumatismi e delle malattie polmonari.
  • Miele di trifoglio. Il miele di trifoglio ha un colore molto chiaro, quasi trasparente, quando è liquido, mentre assume una tonalità bianco sporco quando cristallizza. Svolge un’azione antisettica e stimolante per il sistema immunitario. Secondo gli specialisti del settore, è ottimo anche nei problemi diuretici, aiutando anche a rimuovere l’acqua in eccesso dai tessuti.
  • Miele di papavero. Il suo consumo aiuta il corpo a rilassarsi, avendo un effetto dormiente, antispasmodico, ma anche afrodisiaco.
  • Miele millefiori. Questo tipo di miele è considerato il più complesso e completo di tutti, perché è prodotto dal nettare di diversi fiori e piante medicinali, beneficiando così di tutte le loro proprietà.

curiosità correlate

Stay Connected

0FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime curiosità