30.8 C
New York
sabato, Giugno 22, 2024

Buy now

L’ibernazione umana è davvero possibile?

La morte è uno dei pochi fenomeni indecifrabili dall’uomo nella sua esistenza. Ecco perché, fin dai tempi antichi, gli scienziati hanno provato diversi metodi per sfuggire alla morte o almeno per rimandarla il più possibile. Con lo sviluppo delle tecnologie, sono stati creati vari farmaci per prolungare la vita. Sfortunatamente, per alcune malattie non ci sono cure, quindi si sono cercati metodi alternativi per preservare i corpi delle persone interessate. È così che è nata la criogenia, il congelamento del corpo umano o del cervello fino a una certa data in cui c’è un farmaco e il corpo può essere riportato in vita.

La criogenia è sempre più utilizzata negli Stati Uniti

Negli Stati Uniti d’America, nella città di Scottsdale, in Arizona, esiste un’azienda che offre questi servizi ai propri clienti. Secondo migration.com , all’interno di piscine piene di azoto liquido ci sono i corpi e le teste di 199 persone, che sono state crioconservate nella speranza che possano essere riportate in vita in futuro, salvando la loro vita dalle malattie di cui soffrono.

L’azienda si chiama Alcor e ha ibernato le persone che soffrono di malattie terminali, come il cancro o la sclerosi laterale amiotrofica, per le quali attualmente non esiste una cura. Va notato che il processo criogenico avviene dopo che la persona in questione è stata ufficialmente dichiarata deceduta.

Prima che le persone vengano messe in questi frigoriferi, il sangue e altri fluidi corporei vengono rimossi e sostituiti con sostanze chimiche appositamente progettate per prevenire la formazione di cristalli di ghiaccio dannosi.

Molti scienziati ritengono che questa situazione sia una truffa, un metodo con cui alcuni approfittano della cattiva situazione di salute di alcune persone, promettendo loro che vivranno in futuro. In altre parole, è stato trovato un metodo legale per ingannare i malati.

La criogenia richiede temperature inferiori a meno 150 gradi Celsius. Il fenomeno ha applicabilità in vari campi, ma anche nella realizzazione di determinati trattamenti, ma congelare una persona e svegliarla in futuro sembra più un’idea di fantascienza.

Prima ibernazione della storia

Il 12 gennaio 1967, James Bedford  fu il primo essere umano a venire ibernato. L’americano nacque nel 1893 e nel 1976 morì di cancro. A quel tempo, gli ospedali non disponevano di moderne attrezzature o trattamenti medici, quindi non poteva essere salvato. Tuttavia, il destino postumo di Bedford era già deciso.

L’uomo era dell’opinione di poter ancora liberarsi della malattia incurabile, così ha raccolto la somma di 100.000 dollari che ha donato alla ricerca nel campo della criogenia. Allo stesso tempo, Bedford firmò un testamento in cui affermava che il suo ultimo desiderio era quello di essere ibernato. Al momento della morte di Bedford, sua moglie e suo figlio fecero causa per impedire che i soldi andassero alla società di ricerca, ma persero. Così James ottenne il destino che voleva.

ibernazione-James-Bedford
James Bedford, prima ibernazione della storia

L’inizio della moderna criogenia

A metà degli anni ’60, gli scienziati iniziarono a cercare persone disposte a congelare i propri corpi dopo la loro morte. Ebbene, come abbiamo detto sopra, James Bedford soffriva di una forma incurabile di cancro, quindi ha risposto all’offerta dei ricercatori. Al momento della sua morte, il professore di psicologia aveva 74 anni. Poche ore dopo la sua morte, il biofisico Dante Brunol e il chimico Roberd Prehoda hanno iniziato il processo criogenico.

In cosa consiste questo processo? Ebbene, in primo luogo, il dimetilsolfossido (una soluzione di protezione cellulare) è stato iniettato nel corpo senza vita di Bedford, dopodiché il corpo è stato raffreddato in ghiaccio secco a una temperatura di -79 gradi Celsius. Dopo alcuni giorni, il corpo è stato posto in una capsula di azoto liquido permanente. È stato spostato in diversi luoghi nel corso degli anni, ora si trova presso la Alcor.

Nel mondo esistono altre due aziende che si occupano di criogenesi: la Cryonics Institute, sempre negli Stati Uniti d’America e il KryoRus in Russia. Non esistono leggi che vietino l’ibernazione, intatti a Mirandola in Italia esiste un azine funebre che collabora con il KryoRus e si occupa del trasporto dei corpi dall’Italia alla Russia. 

I costi della criogenizzazione

A causa dell’alto costo di questo processo, la criogenia non è stata ampiamente adottata. Ad oggi sono state criogenizzate ben 370 persone e 200 animali. Inoltre alcune persone hanno deciso di criogenizzare solo il cervello.

Il più caro è il servizio di Alcor, che chiede circa 200 mila dollari per l’ibernazione di tutto il corpo e 80 mila per il cervello. La Cryonics ha tarriffe leggermente inferiori, mentre il più economico è il KryoRus che chiede 36 mila dollari per tutto il corpo e 18 mila per il cervello.

curiosità correlate

Stay Connected

0FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime curiosità