24.4 C
New York
mercoledì, Giugno 12, 2024

Buy now

Quali paesi applicano ancora la pena di morte?

Sebbene molti oggi siano d’accordo con la pena di morte, molte organizzazioni per i diritti umani si battono per l’abolizione di tale pena. Ma il detto di Gandhi, “Occhio per occhio e il mondo diventerà cieco”, riassume in larga misura l’argomento contro di esso. Il punto è che lo Stato, in quanto principale garante di tali diritti, non può agire nello stesso modo in cui accusa, per non parlare delle ragioni per cui molti paesi mantengono ancora la pena di morte. Ma qual è l’origine della pena di morte e il panorama mondiale in relazione a questa severissima pena?

Origini della pena di morte

Quando parliamo dell’origine della pena di morte, ci riferiamo in primo luogo a uno dei più grandi istinti dell’essere umano: la violenza. La storia ci dice, in questo senso, che la maggior parte delle civiltà che si sono sviluppate durante l’età antica, hanno mantenuto la pena capitale come parte delle loro regole di convivenza e ordine. In effetti, forse uno dei primi riferimenti in relazione alla pena di morte si trova nel 1760 a.C., un periodo in cui il Codice di Hammurabi contemplava già la famosa Legge del taglione: occhio per occhio, dente per dente. Questo codice è servito come ispirazione per i successivi strumenti giuridici.

Nell’antico Israele, la pena di morte era una realtà. Sia nella Torah, che raccoglie la legge ebraica, sia nel Pentametro, composto dai primi cinque libri dell’Antico Testamento, questa punizione è già riflessa. Le ragioni per cui una persona poteva ricevere la condanna a morte erano piuttosto particolari: l’idolatria, la blasfemia, il fatto di esercitare pratiche divinatorie e persino la violazione della regola di osservare il sabato.pena di morte

La pena di morte oggi

In tempi moderni, la realtà di questa punizione è stata trasformata. E’ vero che molti paesi democratici violano i diritti umani dei loro cittadini in centinaia di modi. È anche vero che, in un modo o nell’altro, hanno firmato convenzioni internazionali per rispettare tali diritti, il che consente alla “giustizia internazionale” di applicare sentenze o multe agli Stati che hanno fallito. Ma al di là del fatto che l’origine della pena di morte può essere fatta risalire a tempi molto antichi, rimane parte del mondo moderno.

La realtà dei paesi con la pena di morte è cambiata nel tempo. Dal 1977 ad oggi, 103 paesi hanno completamente abolito la pena di morte, per un totale di 141 paesi: ci sono 58 paesi abolizionisti – sia di diritto che di fatto – e 103 paesi mantenitori. Tra coloro che hanno abolito la pena di morte, 6 lo hanno fatto per tutti i reati, 32 per reati di diritto ordinario e più o meno hanno una moratoria sulle esecuzioni. Tra i paesi che ancora la attuano, 58, nel 2015 c’è stato un aumento di oltre il 50% rispetto al 2014 (1.634 esecuzioni). la pena di morte nel mondo

Paesi con la pena di morte oggi

  • America

L’origine della pena di morte è antica quasi quanto l’umanità. Tuttavia, e nonostante il fatto che sia considerato da molti come barbaro, ci sono ancora una sessantina di paesi con la pena di morte. Nel caso delle Americhe, gli Stati caraibici, come Antigua e Barbuda, Bahamas, Barbados, Belize, Cuba, Dominica, Grenada, Giamaica, Saint Kitts e Nevis, Santa Lucia, Saint Vincent e Grenadine e Trinidad e Tobago, generalmente applicano la pena di morte in caso di tradimento e omicidio.

Tra i paesi continentali, abbiamo gli Stati Uniti e il Guatemala. In questo, l’ultima esecuzione è stata fatta nel 2000. Da parte loro, gli Stati Uniti sono il primo paese americano ad applicare la pena di morte, con 39 esecuzioni entro il 2013, un numero sceso a 11 persone nel 2021. Va notato, tuttavia, che in 19 Stati dell’Unione la pena di morte è stata abolita, ma in 31 rimane in vigore. La pena capitale è decisa da una giuria.

  • Europa

Quando si parla di paesi con la pena di morte, il continente europeo richiama l’attenzione sul modo in cui le leggi dei suoi paesi rifiutano questa alternativa. In effetti, l’unico paese europeo in cui la pena di morte è ancora applicata è la Bielorussia.

  • Oceania

Nel caso dell’Oceania, troviamo ancora tre nazioni che la mantengono. Questi sono Tonga,Papua Nuova Guinea e Nauru, e i motivi sono tradimento, pirateria e omicidio.

  • Africa

Tra i paesi con la pena di morte, l’Africa è uno dei continenti con il maggior numero di persone. Algeria, Botswana, Burkina Faso, Camerun, Repubblica Centrafricana, Comore, Repubblica Democratica del Congo, Repubblica del Congo, Egitto, Guinea Equatoriale, Eritrea, Etiopia, Gambia, Ghana, Guinea, Kenya, Lesotho, Liberia, Libia, Malawi, Mali, Mauritania, Marocco, Niger, Nigeria, Sierra Leone, Somalia, Sudan, Sud Sudan, Swaziland, Tanzania, Tunisia, Uganda, Zambia e Zimbabwe.

Molti di questi paesi africani hanno ampi settori della società islamica, e quindi la pena di morte viene applicata nei casi di apostasia, sodomia e prostituzione, oltre al ben noto tradimento e omicidio.

In Somalia e Nigeria hanno adottato la Sharia come sistema legale (almeno nel nord del paese, nel caso della Nigeria). Dei 55 paesi africani, 35 sono a favore della pena di morte, anche se molti di loro non giustiziano nessuno da molto tempo.

  • Asia

E mentre l’origine della pena di morte sembra essere abbastanza diffusa, l’Asia è ora il continente in cui oggi c’è un maggior numero di paesi con la pena di morte.

Afghanistan, Bahrain, Bangladesh, Myanmar, Brunei, Cina, India, Indonesia, Iran, Iraq, Giappone, Giordania, Kuwait, Laos, Libano, Malesia, Maldive, Oman, Pakistan, Palestina, Arabia Saudita, Singapore, Siria, Sri Lanka, Taiwan, Taiwan, Tagikistan, Emirati Arabi Uniti, Vietnam e Yemen.

Si noti che quasi tutti sono musulmani e le ragioni per giustiziare una persona vanno dall’apostasia e dall’omosessualità, all’adulterio (lapidazione), al tradimento e al traffico di droga o di esseri umani. Tuttavia, il paese che applica maggiormente la pena di morte è la Cina. Se elenchiamo i primi 5, sembrerebbe così: Cina (nessun dato ufficiale su quante persone vengono giustiziate), Iran (977 esecuzioni nel 2015), Pakistan (326), Arabia Saudita (158 casi accertati) e Stati Uniti (28).

La tendenza globale è verso l’abolizione della pena di morte, anche se dobbiamo notare che i paesi musulmani non si sono uniti per eliminarla dalle loro costituzioni, anche se è vero che molti di loro non la applicano nella pratica – tuttavia, i loro tribunali continuano a condannare la pena di morte. Come ultimo fatto curioso, Venezuela e Costa Rica sono gli unici paesi americani che hanno abolito la pena di morte nel diciannovesimo secolo, il Venezuela nel 1863 e il Costa Rica nel 1877.

Come avviene la pena di morte?

La pena di morte viene eseguita con metodi diversi, più o meno crudeli a seconda della sensibilità personale.

  • l’iniezione letale, è il metodo più diffuso;
  • la sedia elettrica, praticato in pochi Stati dell’America del nord;
  • camera a gas;
  • per impiccagione (ad esempio in Iran);
  • fucilazione, eseguita in Bielorussia e Utah (Stati Uniti).Pena di morte

curiosità correlate

Stay Connected

0FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime curiosità