25.6 C
New York
domenica, Giugno 23, 2024

Buy now

Quante varietà di pepe esistono?

Il pepe è tra le spezie più antiche e viene utilizzato in tutto il mondo per vari piatti, bevande e persino dessert. Le varietà più utilizzate non derivano da piante diverse ma dalla stessa bacca raccolta a seconda della maturazione. Il pepe è un ingrediente apprezzato e utilizzato in molte ricette, ma oltre a ciò ha anche molti benefici per la salute, se usato in quantità moderate.

A proposito della pianta di pepe

pianta pepe Il pepe o il il Piper nigrum è una pianta della famiglia delle Piperaceae. Il pepe proviene da un arbusto rampicante con un fusto legnoso che può raggiungere fino a 10 m di altezza. Il paese di origine del pepe è l’India. Tuttavia, presto la coltivazione del pepe si diffuse in paesi come Indonesia, Vietnam e Malesia.
Piccoli fiori si trovano in mazzi di pepe selvatico rispetto al pepe coltivato dove si trovano fiori isolati e separati. I frutti si sviluppano in mazzi o isolati, ogni chicco rappresenta un chicco di pepe.

Tipi di pepe

Le varietà più utilizzate in cucina ovvero, il pepe nero, bianco e verde, non derivano da piante diverse ma dalla stessa bacca raccolta a seconda della maturazione. Altre tipologie invece, come il pepe rosa, il pepe di Sichuan o il pepe di Cayenna, vengono chiamati erroneamente “pepe” soltanto per la somiglianza della forma o del sapore.

  • Pepe nero
pepe nero
Pepe nero

Il pepe nero viene raccolto quando la bacca da acerba inizia a diventare rossa. Successivamente viene essiccato al sole dai 7 ai 10 giorni. Dopo l’essiccazione diventa nero e ruvido nella consistenza, e pungente nel gusto e nell’odore. Il sapore del pepe piccante e pungente deriva dalla sostanza che contiene: Pipera Alcaloida. Il pepe nero è la spezia più utilizzata, ma si trova anche in varie medicine e cosmetici. L’olio di pepe è anche usato come olio da massaggio ayurvedico o in alcuni trattamenti di bellezza.

  • Pepe verde

Il pepe verde viene raccolto dalla stessa pianta del pepe nero, ma viene raccolto prima della maturazione, essendo grani di pepe crudi. Questi grani vengono essiccati in modo da mantenere il loro colore verde. Più comunemente troviamo pepe verde nella cucina asiatica, specialmente in tailandese. Il pepe verde viene conservato congelato, essiccato o in salamoia. Ha un sapore molto fresco ed aromatico e, se fresco ha un retrogusto fruttato decisamente particolare.

  • Pepe bianco

Il pepe bianco viene raccolto quando è già maturo e le bacche sono rosse. Diventano giallo-biancastre dopo essere state messe in ammollo per una settimana, per rimuovere la buccia e poi farle asciugare. Il pepe bianco è meno pungente e ha una consistenza fine, è molto diffuso nelle cucine indiana e messicana, in salse, insalate o frullati.

  • Pepe rosa
pepe rosa
Pepe rosa

Moltissime persone credono che sia pepe ma in realtà è il frutto di un albero originario del Perù, che si chiama Schinus Terebinthifolius, ampiamente coltivata in Brasile. Sono bacche quasi mature, con un sapore vicino al peperoncino, fruttato e fresco. Ha un sapore delicato e molto aromatico ma è importante non utilizzarne in grandi quantità perché potrebbe rivelarsi tossico.

  • Pepe di Sichuan

L’albero da cui nasce appartiene alla famiglia degli agrumi. Non è pungente come il pepe ma è comunque piccante e con un leggero retrogusto di limone.

Pepe – benefici e proprietà

Il pepe è più di un semplice ingrediente base in cucina. Era considerato il “re delle spezie” e utilizzato nell’antica medicina ayurvedica per migliaia di anni grazie alla sua alta concentrazione di composti potenti e benefici.

  • Effetto antiossidante

Il pepe nero è ricco di un composto vegetale chiamato piperina, che in base ad uno studio si è scoperto che ha forti proprietà antiossidanti. Gli studi suggeriscono che una dieta ricca di antiossidanti può aiutare a prevenire o ritardare gli effetti dannosi dei radicali liberi.

  • Proprietà antinfiammatorie

L’infiammazione cronica può essere un fattore decisivo in molte condizioni come l’artrite, le malattie cardiache, il diabete e il cancro. Molti studi di laboratorio suggeriscono che la piperina, può combattere efficacemente l’infiammazione. Negli studi sui topi, la piperina ha soppresso l’infiammazione delle vie aeree causata da asma e allergie stagionali.

  • Migliora le funzioni cerebrali
pepe bianco
Pepe bianco

Il pepe ha dimostrato di avere potenziali benefici per i sintomi legati a condizioni degenerative del cervello come il morbo di Alzheimer e il morbo di Parkinson. In uno studio sui ratti con malattia di Alzheimer si è scoperto che la piperina ha migliorato la memoria perché la distribuzione di piperina ha permesso ai ratti di eseguire ripetutamente un labirinto in modo più efficace rispetto ai ratti a cui non è stato somministrato il composto.

  • Regola i livelli di zucchero nel sangue

La ricerca condotta su esseri umani e topi suggerisce che la piperina può aiutare a migliorare il metabolismo dello zucchero nel sangue. In uno studio, 86 persone in sovrappeso hanno assunto un integratore contenente piperina e altri composti per 8 settimane hanno sperimentato miglioramenti significativi nella sensibilità all’insulina.

  • Migliora la digestione
pepe verde
Pepe verde

Il pepe nero stimola le papille gustative che inviano un comando allo stomaco per aumentare la secrezione di acido cloridrico, migliorando così la digestione. L’acido cloridrico secreto naturalmente dal corpo è utile per la digestione delle proteine e di altri componenti alimentari nello stomaco.

  • Pepe – benefici per la bellezza

Il pepe si trova in numerose forme e nell’industria cosmetica. Dalle note audaci nella composizione dei profumi all’effetto pungente o bruciante di creme o impacchi anticellulite, il pepe è un ingrediente importante. Sulla pelle, tuttavia, il pepe può avere un effetto irritante. Tutti gli effetti irritanti possono generalmente avere per la pelle sensibile.

Pepe – controindicazioni

Il pepe è una spezia con effetti benefici, ma dovrebbe essere consumato con moderazione. Non è consigliabile consumare pepe allo stato puro, ma solo mescolato con vari alimenti. Inoltre, le persone che soffrono di condizioni gastrointestinali dovrebbero evitare di mangiare pepe.

Curiosità sul pepe

  • Il pepe non è solo la spezia più antica del mondo, ma è anche la più diffusa. Si dice che sia stato scoperto 4.000 anni fa e sia stato coltivato dal 1000 a.C.;
  • Durante la cottura, è preferibile che il pepe venga aggiunto verso la fine. Non è consigliabile che il peperone sia cotto per più di due ore, perché perde completamente il suo sapore;
  • Il pepe era considerato così prezioso centinaia di anni fa che i commercianti a volte lo mescolavano con altri semi simili per forma e colore, o anche con pezzi di carbone per ottenere quantità maggiori. Nel 1875, una legge britannica vietò la vendita di pepe mescolato con altri semi;
  • Un quarto del commercio mondiale di spezie è rappresentato dal pepe;
  • Oggi, tra i maggiori produttori di pepe ci sono: India, Indonesia, Brasile, Malesia, coltivati globalmente su una superficie di 365000 ettari con una produzione annua di 200000 tonnellate di grani di pepe, stimata al valore di 300 – 600 milioni di dollari;
  • I tunisini guidano la classifica dei paesi consumatori di pepe con circa 225 g consumati pro capite all’anno, mentre gli americani consumano circa 100 g di pepe all’anno.

curiosità correlate

Stay Connected

0FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime curiosità